Belinelli verso il Preolimpico: “Siamo carichi. Le scelte di Messina non si discutono”

Pubblicato il autore: Simone Braconcini Segui

Marco Belinelli runs with the ball during their 2015 EuroBasket 2015 round of 16 match against Israel at the Pierre Mauroy stadium in Villeneuve d'Ascq near Lille, France, September 13, 2015. REUTERS/Benoit Tessier - RTSW5B
Il dado è tratto. L’Italia del basket da dopodomani a Torino scenderà in campo alla ricerca dell’unico posto in palio per le Olimpiadi di Rio de Janeiro. Come si sa, il Commissario tecnico della Nazionale di basket, Ettore Messina, ha reso nota ieri la griglia dei dodici cestisti azzurri che prenderanno parte al Preolimpico di Torino, in programma dal 4 al 9 luglio. Nulla da fare per  Abass, Cinciarini, Della Valle e Pascolo, esclusi in extremis. Scelte che, il giorno dopo, già fanno molto discutere.

A mettere una sordina alle polemiche ci pensa il leader Marco Belinelli, assai deciso nelle dichiarazioni e già con le idee molto chiare in vista dell’inizio del Preolimpico.

Eccolo, Belinelli, con le sue sensazioni positive, anche per ciò che riguarda il suo stato di forma dopo l’infortunio subito: “Oggi è stato il mio primo allenamento con la squadra dopo l’infortunio. La maschera non è certamente comoda ma è l’unica soluzione. Con lo staff medico e tecnico stiamo gestendo al meglio l’infortunio e valutando di giorno in giorno le mie condizioni ma già mi sento meglio. Le scelte del coach non si discutono, dispiace per chi è andato via oggi e nei giorni scorsi ma purtroppo al Pre Olimpico si può giocare solo in dodici”.

Belinelli si dice pronto a iniziare una nuova avventura: “Siamo carichi e cercheremo di far bene di fronte ai nostri tifosi. Croazia e Grecia hanno giocatori di grande talento ed esperienza, con un gioco fisico e organizzato che può dare fastidio. Non bisogna però sottovalutare nessuno, a partire dalla Tunisia, che affronteremo all’esordio. Sarà certamente un torneo difficile: non partiamo da favoriti ma daremo il massimo per fare bene. Giocare le Olimpiadi sarebbe un sogno, però per il momento siamo concentrati solo sul Pre Olimpico”.

ECCO I CONVOCATI – Questi i convocati: Pietro Aradori (1988, 194, A, Grissin Bon Reggio Emilia), Andrea Bargnani (1985, 213, A/C, Free Agent), Marco Stefano Belinelli (1986, 196, A/G, Charlotte Hornets – NBA), Riccardo Cervi (1991, 214, C, Grissin Bon Reggio Emilia), Marco Cusin (1985, 211, C, Sidigas Avellino), Luigi Datome (1987, 201, A, Fenerbahce Ulker Istanbul – Turchia), Danilo Gallinari (1988, 205, A, Denver Nuggets – NBA), Alessandro Gentile (1992, 201, G/A, EA7 Emporio Armani Milano), Daniel Lorenzo Hackett (1987, 199, P/G, Olympiacos – Grecia), Nicolo’ Melli (1991, 205, A/C, Brose Bamberg – Germania), Giuseppe Poeta (1985, 191, P, Manital Torino), Stefano Tonut (1993, 193, G, Umana Reyer Venezia. 
//

Rivordiamo che l’Italia affronterà lunedì 4 luglio la Tunisia alle ore 21 e il giorno dopo, martedì, la Croazia (ore 21). Il secondo girone comprende, invece, Grecia, Iran e Messico. La prima di un girone affronterà la seconda dell’altro girone e viceversa. Poi le due vincenti delle semifinali (8 luglio) giocheranno tra loro sabato 9 alle 21, per tentare di conquistare l’unico posto utile per i Giochi di Rio in programma ad agosto. Come detto, gli azzurri stavolta non partono favoriti, ma con un gran torneo potrebbero clamorosamente staccare il visto per il Brasile. L’impresa è ardua e nessuno si fa troppe illusioni. Ma l’aria di casa e il ritrovato clima di fiducia attorno alla nazionale di Messina, potrebbero aiutare non poco. Intanto arriva la Tunisia. Una squadra inferiore agli azzurri ma non per questo da sottovalutare. Partire con il piede giusto sarebbe importantissimo.

  •   
  •  
  •  
  •