Serie A2 Basket, Virtus Roma esclusa dal Campionato

Pubblicato il autore: Giovanni Cardarello Segui

Serie A2 Basket Virtus Roma esclusaIl Consiglio Federale della Fip, svoltosi oggi a Roma e presieduto da Giovanni Petrucci, ha deliberato di non iscrivere la Virtus Roma al campionato di Serie A2. “All’uopo – recita la nota della Federbasket, sentita la relazione della ComTec – si specifica che la Fip ha inviato in data 24 giugno 2016 una comunicazione ad ogni singola società, compresa la Virtus Roma (codice 000220), per informare dei termini perentori del 7.07.2016 quale scadenza per il pagamento della prima rata valida per l’iscrizione ai campionati a.s. 2016/2017. Successivamente anche la Lega Nazionale Pallacanestro ha inviato nella giornata del 7 luglio una comunicazione a tutte le società iscritte, compresa la Virtus Roma, per ricordare la scadenza in pari data per il pagamento della prima rata“. Ad eccezione della Virtus Roma, tutte le società partecipanti ai Campionati nazionali maschili e femminili (circa 150) hanno provveduto al pagamento della prima rata entro il termine previsto del 7 luglio, ad esclusione di quelle che hanno volontariamente rinunciato alla partecipazione. L’11 luglio la federazione, ravvisato un refuso in una delle date riguardanti i termini di pagamento, “ha provveduto ad aggiornare la relativa documentazione pubblicandola nuovamente nel sito“. Il Consiglio federale ha poi convocato per il prossimo lunedì 18 luglio l’Ufficio di presidenza con il seguente ordine del giorno: gestione delle situazioni derivanti dagli adempimenti relativi alle ammissioni ai Campionati anno sportivo 2016/2017; verifica delle proposte del commissario Cia Stefano Tedeschi in merito alla proposta di nomina al presidente federale dei vice commissari.

Serie A2 Basket, Virtus Roma esclusa: la reazione di Claudio Toti

Immediata la risposta con una nota del presidente della Virtus Roma, Claudio Toti: “E’ stata presa una decisione senza tener conto del reale andamento dei fatti, per nascondere un errore fatto dalla Federazione e con la decisione odierna anche da tutto il Consiglio Federale. La correzione postuma avvenuta l’11 luglio del comunicato ufficiale del 29 aprile 2016, attraverso il quale la Fip ha pubblicato le indicazioni operative per le società affiliate, dimostra che la federazione ha voluto coprire un proprio errore“. A giudizio di Toti, è “molto grave quanto deliberato dal Consiglio Federale e per questo daremo battaglia in tutti i gradi di giudizio, affinché venga riconosciuta la verità dei fatti e la Pallacanestro Virtus venga ammessa a disputare il campionato al quale si è regolarmente iscritta“.

  •   
  •  
  •  
  •