Risposta del Presidente Casarin al Consigliere Scano

Pubblicato il autore: Benedetto Tessitore Segui

image

Risposta del Presidente Casarin al Consigliere Scano

Dure accuse da parte di Davide Scano, consigliere comunale del Movimento 5 Stelle verso il Comune di Venezia <responsabile delle inaccettabili disparità di trattamento e favoritismi fra i gestori degli impianti sportivi>.

Dopo le affermazioni del Consigliere Comunale Davide Scano, riportate nel Gazzettino edizione locale di Venezia Mestre del 2 settembre 2016, Il Presidente dell’Umana Reyer Federico Casari, dichiara che <sta valutando la tutela legale, in tutte le sedi, della società che rappresento e sono indignato da quanto riportato. Accusare la società di avere avuto favoritismi da parte del Comune è semplicemente ridicolo>. Il Presidente Casarin ricorda che <nel 2006 la società ha ricevuto dall’Amministrazione comunale un impianto in condizioni di degrado evidenti a tutti, basti pensare ai topi nei sotterranei e nelle condotte di aerazione, ai bagni fatiscenti e alle gradinate di cemento al posto degli attuali seggiolini>. <La società si è rimboccata le maniche e investimento su investimento, maturando anche importanti crediti verso il Comune in atti poi mai riscossi, è riuscita a fare del Taliercio un palazzetto da Serie A. Il Consigliere Scano ha poi forse dimenticato il piccolo dettaglio che la Società non si è adoperata solo per rendere l’impianto agibile per la categoria, ma in questi dieci anni i risultati sportivi hanno premiato la Reyer, che si è classificata nelle prime quattro squadre della massima serie negli ultimi due anni sia nella categoria maschile che femminile (unica società in Italia ad avere due squadre di basket nella massima serie), disputa per il secondo anno le competizioni europee con entrambe le formazioni, ha un settore giovanile femminile e maschile di oltre 4.500 ragazze e ragazzi che, risultati alla mano, primeggia in Italia ed ha creato un progetto di collaborazione con moltissime società della Città Metropolitana>.

La risposta del Presidente della società continua ricordando che <non va dimenticato l’impegno profuso dalla Reyer nella promozione dello sport nelle scuole e nelle attività sociali. Sinceramente penso che chiunque abbia un minimo di onestà intellettuale sappia che i risultati sportivi arrivano anche e soprattutto grazie a forti investimenti. Quanto alle affermazioni del Consigliere Scano, i circa “700.000 euro di lavori” sono stati in realtà circa 1.400.000 euro di lavori, oneri di progettazione ed altri, da cui detrarre annualmente un importo di canone e compartecipazione al costo delle utenze. Si evince chiaramente che la compensazione tra i due importi non avverrà neanche con un’ulteriore proroga della concessione per altri nove anni e che tale investimento non verrà compensato dal risparmio ottenuto con la compensazione. Sulle altre affermazioni voglio solo evidenziare che la concessione va letta nel suo complesso, e citare l’art. 21 piuttosto che la gratuità dei parcheggi, per dire che la società è favorita dal Comune, è ancora e semplicemente ridicolo>.

Il Presidente Casarin conclude <dicendo che è incredibile che simili affermazioni siano fatte e riportate a mezzo stampa e che sono veramente offeso come Presidente della Reyer da dichiarazioni di questo tipo. Sono certo che la maggioranza dei cittadini veneziani sappia giudicare cosa ha fatto la Reyer in questi anni. Se la società ha raggiunto dei risultati sportivi, sociali e culturali che fanno onore alla Venezia Metropolitana è stato per la passione, l’impegno, la convinzione e le risorse messe principalmente non dal Presidente attuale, ma dal Presidente passato della società, che non cito per eleganza, mai veramente ringraziato abbastanza per quanto fatto, soprattutto per quanto fatto per i giovani>.
“Federico Casarin Presidente Reyer”

di Benedetto Tessitore

  •   
  •  
  •  
  •