Playoff Serie A2: Virtus Bologna-Junior Casale 74-67, gara 1 va a Bologna

Pubblicato il autore: Francesco Sbordone

Palla a due

Finalmente si fa sul serio. Finita la regular season, iniziano i playoff di Serie A2 per decidere chi approderà nel massimo campionato italiano. La Virtus Bologna, dopo l’ultima vittoria in campionato, (da seconda in classifica nel girone Est) affronta la NoviPiù Junior Basket Casale (arrivata ottava nel girone Ovest). Le prime due gare del confronto vanno in scena al PalaDozza (casa della Fortitudo) e non all’Unipol Arena, casa della Virtus in campionato. Un ritorno al passato per i bianconeri che nel palazzetto storico di Bologna, cercheranno l’immediato ritorno in Serie A1 dopo la retrocessione della passata stagione.

 

Virtus Bologna-Junior Casale, la partita

1° Quarto
Partenza a rilento per la Virtus che accusa il peso dell’essere favorita. Casale è in forma e si porta sul 7-9, ma gli ospiti non hanno fatto i conti con Umeh che prende in mano la situazione e piazza otto punti consecutivi per il sorpasso nel punteggio, 15-9. A due minuti dalla fine del tempo, fa il suo esordio in maglia bianconera il nuovo arrivato Stefano Gentile. Complice una difesa bianconera agguerrita (10 rimbalzi difensivi, 5 di Lawson) e gli errori dell’attacco di Casale (6 su 19 dal campo), la Virtus chiude il quarto in vantaggio di dieci punti con il risultato di 26-16.

2° Quarto
I piemontesi non ci stanno a fare la parte della vittima sacrificale e nei primi due minuti fanno segnare un parziale di 4-1 a loro favore. In un momento così delicato per i padroni di casa, arrivano due bombe consecutive di Stefano Gentile che mette a referto i suoi primi punti in maglia virtussina e porta il risultato sul 33-20. Si va all’intervallo lungo con il risultato di 46-32 per la Virtus Bologna. Un +14 semplicemente frutto dei tiri dal campo, la Virtus fa 15 su 27 con il 56% ( 6 su 11 da due e 9 su 16 da tre), mentre Casale fa 13 su 38 con il 34% (9 su 19 da due e 4 su 19 da tre). Per i piemontesi, l’unica nota positiva arriva da Tolbert Jordan che sigla 6 punti e 7 rimbalzi per una valutazione complessiva di 10.

3° Quarto
Copione tattico che non cambia e vantaggio che rimane costante intorno ai dodici punti per la Virtus. A quattro minuti dalla fine del quarto, i bianconeri sono in vantaggio di dieci punti, 50-40, ma commettono un errore difensivo che fa arrabbiare Ramagli. L’allenatore chiama il timeout per catechizzare i suoi uomini e tenere alta la concentrazione. Timeout che non ha l’effetto sperato, Casale con un parziale di 6-0 dimezza lo svantaggio e si porta a -4. La Virtus prova a non accusare il colpo ma gli ospiti cavalcano l’onda dell’entusiasmo e chiudono il quarto con soli tre punti di svantaggio, 54-51. Un calo d’attenzione problematico per la Virtus che segna solo otto punti in questo quarto.

4° Quarto
Un ultimo quarto al cardiopalma. A tre minuti dalla fine, Giovanni Tomassini di Casale riporta il punteggio in parità (58-58). Una partita che sembrava in cassaforte per la Virtus, diventa un pericolo. Sul 60-60 e a 5 minuti dalla fine, la tensione è alle stelle. Umeh sbaglia un semplice passaggio, complice l’errato movimento di Lawson. A 2:40 dalla fine, la Virtus si porta sul +4 (66-62) e Ndoja va a caricare i suoi tifosi, rendendo ancora più infuocato il clima al palazzetto. Due minuti dalla fine e Tolbert mette la tripla del -1 ma Rosselli risponde subito e rimette in chiaro le cose per il +3 Virtus. Quando il cronometro segna 33 secondi alla fine è Marco Spissu a segnare i due tiri liberi che portano il punteggio sul 73-67 e che tranquilliza i tifosi virtussini. La partita finisce 74-67, una vittoria meritata per metà dalla Virtus che nei primi due quarti è stata padrona assoluta del campo ma nei successivi due ha lasciato qualcosa a Casale che si è dimostrata molto ostica.

risultato finale

Virtus Bologna: Spissu 5, Umeh 17, Spizzichini 4, Ndoja 13, Rosselli 10, Michelori 2, Gentile 6, Lawson 11, Bruttini 6; Petrovic, Oxilia e Penna NE.
Casale Monferrato: Tolbert 12, Denegri 7, Tomassini 10, Natali 8, Blizzard 2, Di Bella 2, Martinoni 10, Severini 13,  Bellan 3; Nikolic, Valentini e Ielmini NE.

  •   
  •  
  •  
  •