Playoff di Serie A2: Virtus Bologna-Junior Casale 73-78, gara 2 è di Casale

Pubblicato il autore: Francesco Sbordone

virtus bologna

Dopo la vittoria, in parte sofferta e in parte meritata, della Virtus Bologna in gara 1 di Domenica scorsa, al PalaDozza è andata in scena gara 2 con Casale intenzionata ad allungare la serie. Le intenzioni vengono rispettate e i piemontesi sbancano il Padozza con il risultato di 73-78 e allungano la serie playoff che ad oggi recita 1-1.
Dispiace dirlo, ma complici il costo dei biglietti e il giorno feriale, al Paladozza non c’è stato il pubblico delle grandi occasioni, ad esclusione della curva Calori che non ha fatto mancare il suo sotegno per tutta la gara. Ad arbitrare la gara i tre arbitri sono stati Francesco Terranova, Calogero Cappello e Marco Vita.

Virtus Bologna-Junior Casale, la partita

 1° Quarto
Nel palazzetto storico della città felsinea, a farla da padrone è ancora una volta lo spettacolo.
Palla a due vinta da Lawson e primo possesso palla targato Virtus Bologna, con l’americano che successivamente sblocca subito il risultato con un facile tap-in.
Padroni di casa che partono subito forte con un parziale di 9-0, costringendo coach Marco Ramondino a chiamare il time-out. Chiamata che non ha l’effetto sperato, appena rientrati in campo è ancora una volta Kenny Lawson a far esultare i propri tifosi con una tripla per il 12-0. Al numero 25 bianconero bastano soli cinque minuti per andare in doppia cifra, a 5:00 dalla fine è già a dieci punti.
Il primo quarto termina 21-11 per la Virtus Bologna che sfodera una prestazione al limite della perfezione in difesa (10 rimbalzi difensivi vinti) e una buona percentuale in attacco, 6 su 14 dal campo con il 42%

2° Quarto
Nel secondo periodo un parziale di 0-6 per Casale, che porta il risultato sul 21-17, fa arrabbiare e non poco coach Ramagli che chiama subito il time-out per sbloccare il momento negativo dei suoi uomini. A risolvere la situazione ci pensa ancora una volta Lawson che dopo il secondo tiro libero sbgaliato da Ndoja, vince il rimbalzo e schiaccia con grinta e cattiveria agonistica, per poi ad andare ad esultare sotto la sua curva.
Sull’ultimo possesso palla del quarto, la Virtus difende in modo egregio e va all’intervallo lungo in vantaggio 35-26.

3° Quarto
Terzo quarto molto fisico e spigoloso, con entrambe le squadre che non vogliono lasciare nulla al caso. A 3:35 dalla fine, Tolbert Jordan commette il quinto fallo di squadra e suo quarto personale, dopo il fischio arbitrale va a muso duro contro Lawson che non reagisce alla provocazione.
Sotto canestro, la Virtus Bologna perde qualcosa e a tre minuti dalla fine regala quattro possessi palla consecutivi ai piemontesi. Nel terzo quarto vince solo 5 rimbalzi contro i 12 di Casale.
Quando il pallone inizia a pesare, tocca ai campioni fare la differenza. Fabio Di Bella, alla veneranda età di 38 anni, dopo essersi preso una stoppata da Gentile, sigla cinque punti consecutivi da campione assoluto. Una penetrazione e una tripla che accorciano lo svantaggio della Junior Casale e chiude il quarto con il risultato di 49-46 per la Virtus Bologna.

4° Quarto
A otto minuti dalla fine Niccolò Martinoni sigla i due tiri liberi del 50 pari. Dopo un rimbalzo difensivo vinto, la Junior Casale con il numero 16 Severini si porta per la prima volta in vantaggio, 50-52.
A 4:18 dalla fine è una gara di nervi, Fabio Di Bella segna i due tiri liberi e porta Casale sul 54-58.
A 02:16 dalla fine con Casale in vantaggio 58-57, è prima Ramaglia e poi Ramondini a chiamare il time-out. I due allenatori danno ulteriori indicazioni ai loro uomini in vista degli ultimi minuti di gara.
Ancora problemi sotto canestro per la Virtus Bologna che regala tre possessi palla ai piemontesi, alla fine del terzo possesso riescono a rubare palla ma Spizzichini fa infrazione di passi e la palla è di nuovo in mano a Casale.
A 15 secondi dalla fine è Kenny Lawson ad andare a canestro e a riportare il risultato in parità, 59-59.
Ultimo possesso palla è nelle mani di Casale ma non riesce ad andare a canestro e la gara finisce 59-59, si va all’overtime.

Overtime
I supplementari si aprono con la bomba di Michael Umeh ma al numero 3 bianconero risponde subito Casale per il 62-61.
A 2:37 dalla fine è Marco Spissu a far infiammare il PalaDozza con una tripla ma subito dopo è ancora Di Bella che prima dall’arco e poi con due liberi riporta in vantaggio la sua squadra, 67-68.
A 61 secondi dalla fine, Ramagli chiama il timeout dopo il canestro di Tomassini che vale il 70-67 per Casale.
Quando il cronometro segna 12:29 secondi allo scadere, Klaudio Ndoja segna i due tiri liberi del 73-75 per Casale.  Finisce 73-78 per Casale che sbanca il PalaDozza.

 

Virtus Bologna-Junior Casale, i punti

Virtus Bologna: 11/31 da due; 9/25 da tre; 20/56 dal campo. Rimbalzi 38 (10 offensivi e 28 difensivi).
Spissu 13, Umeh 14, Spizzichini 4, Petrovic 0, Ndoja 11, Rosselli 15, Michelori 0, Oxilia 0, Gentile 0, Penna 0, Lawson 26, Bruttini 0.
Junior Casale: 23/47 da due; 5/27 da tre; 28/74 dal campo. Rimbalzi 48 (21 offensivi e 27 difensivi).
Tolbert 8, Nikolic 0, Denegri 0, Tomassini 12, Natali 3, Blizzard 21, Di Bella 14, Martinoni 4, Severini 15, Valentini 0, Bellan 1, Ielmini 0.

  •   
  •  
  •  
  •