Eurocup: Reggio Emilia e Sassari padrone del proprio destino, Venezia no

Pubblicato il autore: Giacomo Garbisa Segui

Calendario partite Eurocup 6 novembre
Dentro o fuori, il cammino europeo di Grissin Bon Reggio Emilia, Banco di Sardegna Sassari ed Umana Reyer Venezia si decide negli ultimi 40’ di Eurocup mercoledì 10 febbraio. Con l’EA7 Armani Milano e la Dolomiti Energia Trento già qualificate da prime dei rispettivi Gironi J e K, l’ultimo turno delle Last32 è decisivo per le altre tre rappresentanti italiane.

Reggio Emilia e Sassari padrone del proprio destino, Venezia no. Gli emiliani, terzi nel Gruppo K, fanno visita ai turchi del Pinar Karsiyaka, già battuti all’andata 88-81. Chi vince va avanti e agli ottavi affronta la prima del Girone N (Galatasaray, Saragozza o Sassari). Alla Karsiyaka Arena di Smirne, alle 19 italiane diretta Teletricolore canali 10 o 636, gli emiliani si presentano in piena emergenza. Solo nove i giocatori a referto: Pietro Aradori, Stefano Gentile, Rimantas Kaukenas e Darjus Lavrinovic sono rimasti a casa infortunati e anche Veremeenko difficilmente sarà della partita. “L’orgoglio si unisce al dispiacere di non poterci giocare una partita così importante ad armi pari. Ma con i nostri sei ragazzi ed i giovanissimi Lever e Mitt combatteremo insieme fino all’ultimo secondo” annuncia coach Massimiliano Menetti.

Anche Sassari sarà protagonista in Turchia sul campo del Galatasary (ore 19) di coach Ergin Ataman. Grande equilibrio nel Girone N, l’unico a non aver ancora decretato una qualificata agli ottavi: turchi, Saragozza e sardi si giocano tutto negli ultimi 40’ (spagnoli in Ungheria con lo Szolnoki Olaj). Per accedere agli ottavi, dove potrebbe profilarsi un derby italiano con Reggio Emilia, i campioni d’Italia devono espugnare l’Abdi Ipecki Arena (all’andata vinsero 79-74 con 19 punti di Logan e MarQuez Haynes, ora non più in roster). “E’ una partita da dentro o fuori – sottolinea coach Marco Calvani –. Forse il Galatasaray, giocando in casa, ha un po’ più di pressione rispetto a noi, ma sappiamo che sono una squadra costruita per vincere l’Eurocup“.

Una vittoria potrebbe invece non bastare a Venezia che riceve al Taliercio (20.30) lo Stelmet Zielona Gora, già battuto in Polonia 92-83. Alla Reyer, senza gli infortunati Peric, Mike Green e con capitan Goss a forte rischio per un problema alle anche, battere i polacchi potrebbe non essere sufficiente se, in contemporanea, Ludwigsburg batterà lo Zenit San Pietroburgo, già agli ottavi da prima del Girone L. Se lo Stelmet vince passa invece il turno e incrocia i russi dell’Unics Kazan, se invece vince Venezia gli orogranata devono attendere il risultato dalla Germania. “E’ una partita importante, ma manca un pezzo di stagione molto più importante e in campo manderò solo chi mi darà garanzie sul piano fisico e non rischi ripercussioni nel prosieguo” ha avvisato coach Carlo Recalcati.

Partite allenanti saranno invece quelle di Milano, prima del Girone J che alle 18 fa visita ai greci dell’Aris Salonicco (95-54 all’andata) ed attende di conoscere l’avversario degli ottavi (Bilbao o Banvit), e di Trento, in casa contro il Trabzonspor, senza l’infortunato Baldi Rossi. Per le aquile voglia di riscattare il 92-70 dell’andata e conoscere il nome del prossimo avversario fra Galatasary, Saragozza e Sassari.

  •   
  •  
  •  
  •