Risultati Nba 19 gennaio: facile Golden State e Atlanta, NY vince dopo 16 ko

Pubblicato il autore: Federico Sorrentino Segui

RISULTATI NBA DELLA NOTTE, 19 GENNAIO

Minnesota-Charlotte 80-105
Seconda vittoria consecutiva per Charlotte (17-25), che in casa batte Minnesota (7-33). Tutto facile per i padroni di casa, in vantaggio di 17 all’intervallo e di 31 dopo tre quarti. Charlotte passa col 54% dall’arco e nel garbage time scarica tutta la panchina in campo. Per i Wolves il miglior marcatore è Young con 18 punti.

Philadelphia-Washington 76-111
Vittoria agevole per Washington (29-13), seconda ad Est, in casa contro Philadelphia (8-33), penultima nella medesima conference. All’intervallo i padroni di casa sono avanti già di 23 punti e nella ripresa gestiscono il largo vantaggio. Gortat miglior marcatore dei Wizards con 20 punti, gli ospiti tirano dal campo col 33%, Carter Williams chiude con soli 7 punti e 2/13 al tiro.

Detroit-Atlanta 82-93
Non conosce ostacoli Atlanta (34-8), che in casa batte anche Detroit (16-26) e ottiene la sua tredicesima vittoria consecutiva. Punteggio basso e gara equilibrata tra due delle squadre più calde della lega (Pistons reduci da 11-2 prima di questa gara). Scott e Millsap guidano gli Hawks con 20 punti ciascuno, doppia doppia per Monroe (16+20).

Boston-LA Clippers 93-102
I Clippers (28-14) non si fanno sorprendere allo Staples Center da Boston (13-26). I padroni di casa vincono i primi tre quarti e si presentano all’ultima frazione sul +12. Nell’ultimo periodo Boston non ha la forza per rientrare e cade sotto i colpi di Griffin (22 punti), Jordan (19+12 rimbalzi), Redick e Crawford (16 punti ciascuno). I Celtics portano sei uomini in doppia cifra (Bass, Thornton, Smart, Sullinger, Turner, Olynyk) ma non basta.

Denver-Golden State 79-122
Passeggiata interna di Golden State (33-6) contro Denver (18-23). All’intervallo il risultato é 55-28 per i padroni di casa, sempre piú leader ad Ovest. Thompson e Curry combinano 42 punti. Per i Nuggets il migliore è Lawson, 19 punti. Gallinari out per la quattordicesima gara di fila, dovrebbe tornare la prossima settimana.

Dallas-Memphis 103-95
Dallas (29-13) sbanca Memphis (29-12), rimane appaiata con Houston al quarto posto della Western conference e avvicina proprio i Grizzlies al terzo. I Mavs concludono il primo tempo avanti di 7, ma poi subiscono il ritorno di Memphis, spinta da un Conley da 22 punti. I padroni di casa vanno avanti di due a 4′ dalla fine, ma poi ci pensa Ellis (25 punti e 7 assist) a chiudere i conti per gli ospiti. Doppia doppia per Chandler da una parte (10+16) e Randolph dall’altra (18+15).

Indiana-Houston 98-110
Houston (29-13) batte in casa Indiana (15-28) giunta alla quinta sconfitta consecutiva. Dopo tre quarti i Rockets sono avanti di 21 punti, spinti da un Harden strepitoso: 45 punti (di cui 18 nel terzo periodo), 7/12 da tre, 14/15 dalla lunetta. Per Indiana 23 punti di Miles e 17 di Sloan dalla panchina.

New Orleans-New York 92-99
Incredibile al Madison Square Garden: New York (6-36) sconfigge New Orleans (20-21), che manca l’occasione di avvicinare l’ottava piazza ad Ovest difesa da Phoenix, e vince la seconda gara nelle ultime 28, la prima dopo 16 sconfitte. I Pelicans combinano 43 punti con Evans (23) e Gordon (20), Asik conclude con una doppia doppia (11+17 rimbalzi). Anthony per una volta é decisivo con 24 punti, 9 rimbalzi, 3 assist e 3/5 dall’arco.

Chicago-Cleveland 94-108
Bel successo casalingo di Cleveland (22-20) su Chicago (27-16). E’ la terza vittoria di fila dei Cavs, la seconda sconfitta consecutiva dei Bulls che in classifica vengono avvicinati proprio da Lebron e compagni. Dopo tre quarti Cleveland é avanti di 22 nonostante percentuali non eccezionali del Prescelto, che conclude con 12/23 dal campo e 26 punti. Tutto il quintetto dei Cavs conclude in doppia cifra, nei Bulls doppie doppie stiracchiate per Gibson (10+10) e Gasol (11+11).

Toronto-Milwaukee 92-89
Toronto (27-14) torna a vincere in casa contro Milwaukee (21-20) e interrompe un periodo negativo che le è costata la seconda piazza ad Est a favore di Washington, e quasi la terza a favore di Chicago. Lowry è il leader dei Raptors con 18 punti, ma ci sono altri cinque giocatori in doppia cifra. Per i Bucks, che a novembre subirono contro Toronto la sconfittà più larga dell’anno (124-82), 20 di Knight. Le squadre tirano con le stesse percentuali, basse. La differenza la fanno i rimbalzi, 54 contro i 43 dei Bucks.

Sacramento-Portland 94-98
Vittoria col brivido per Portland (31-11) che in casa ha la meglio su Sacramento (16-25). Dopo tre quarti i Kings sono avanti di 8, serve un superfinale dei Blazers per portare via la vittoria. Protagonista della vittoria è Lillard, che mette il canestro del sorpasso a 1’20” dalla fine e conclude con 22 punti, 6 rimbalzi, 5 assist. Per gli ospiti classica doppia doppia di Cousins (22+19 rimbalzi), e 26 di Gay.

LA Lakers-Phoenix 110-115
Phoenix (25-18) batte sul proprio parquet i LA Lakers (12-30) e allunga in classifica difendendo l’ottava posizione ad Ovest. Sono le guardie dei Suns ad essere decisive: Dragic 24 punti, Thomas 24, Bledsoe 17. Insieme mettono 65 punti con 25/38 al tiro. “Sono stati fantastici”, commenta a fine gara coach Hornacek. I Lakers (privi di Bryant) mettono la testa avanti spesso durante la gara, hanno Young con 24 punti dalla panchina, ma alla fine alzano bandiera bianca.

  •   
  •  
  •  
  •