Mirotic sfida Wiggins per il premio di miglior rookie

Pubblicato il autore: Alberto Pedrazzini Segui

Mirotic

La NBA sta scoprendo tutto il talento di Nikola Mirotic. Dopo aver dominato in Eurolega, in estate il lungo è approdato nella National Basket Association nei Chicago Bulls, squadra che lo avevano scelto al draft lasciandolo in Europa a maturare. All’inizio della stagione NBA Mirotic ha fatto tanta panchina, avendo davanti a se lunghi come Pau Gasol, Joakim Noah e Taj Gibson. Ma i problemi fisici che hanno colpito i giocatori precedentemente elencati hanno dato una chance a Mirotic, il quale non se l’è lasciata scappare. Ieri l’ennesima dimostrazione di tutto il talento dell’ex Real Madrid. Contro gli Charlotte Hornets ha segnato 28 punti e catturato 8 rimbalzi oltre ad esser stato autore della schiacciata che è al numero 1 della Top 10 delle partite di ieri. Mirotic è andato molto vicino al suo career high, che è di 29 punti ed è stato messo a segno il 2 marzo contro i Los Angeles Clippers. Un’altra grande prestazione è stata quella del 20 dicembre contro i Memphis Grizzlies con 27 punti (6/6 da tre punti) e 8 rimbalzi oppure la doppia doppia da 11 punti e 12 rimbalzi ancora contro Charlotte. Le medie a partita del 24enne sono le seguenti: 9.7 punti e 5 rimbalzi. Ma è facile immaginarsi che tra poco la cifra dei punti sarà doppia. I numeri non mentono ma è impossibile non segnalare che Mirotic sia un fattore in una squadra come i Chicago Bulls, che lotta per arrivare alle finali NBA. Insomma il buon Nikola è un serio candidato al premio di “miglior rookie della stagione” e Andrew Wiggins non appare più così favorito come lo era un paio di mesi fa.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Mercato NBA Harrell: "Lakers mi hanno voluto, Clippers no"