NBA, playoff: Curry e Harden, l’eterna lotta da MVP. Vincono anche Wizards e Bulls

Pubblicato il autore: Sabino Palermo Segui
Curry e Harden, dominanti nella Gara-1 di playoff

Curry e Harden, dominanti nella Gara-1 di playoff

A Ovest, nella prima notte di playoff NBA, continua la gara per aggiudicarsi il titolo di MVP della stagione tra Steph Curry e James Harden. Entrambi vittoriosi nella notte, entrambi con prestazioni maiuscole ed entrambi con un piccolo passo verso il titolo.

Stephen Curry è il solito dominante trascinatore dei Golden State Warriors– miglior squadra della regular season – vittoriosi contro i Pelicans in Gara-1. Sono 34 alla fine i suoi punti che, insieme alla solida prestazione di Klay Thompson (21 punti), portano il punteggio finale sul 106-99. Niente da fare per uno scintillante Anthony Davis, letteralmente indemoniato nell’ultimo quarto, autore di 35 punti.

Nel derby attesissimo tra Houston Rockets e Dallas Mavericks, alla fine l’ha spuntata la “barba” di James Harden che segna 24 punti e contribuisce in modo decisivo alla vittoria finale per 118-108 in Gara-1. Ancora una doppia-doppia per il candidato MVP (11 assist per lui), mentre per i Mavericks non bastano i 24 punti di un immenso Dirk Nowitzki. Decisivo per i Rockets l’apporto della panchina, grazie soprattutto all’ingresso di Corey Brewer che segna 13 dei suoi 15 punti nell’ultimo quarto.

A Est, invece, i Bulls mantengono il fattore campo sconfiggendo 103-91 i Bucks con 23 punti di Derrick Rose. Washington, infine, espugna in una partita equilibratissima 93-86 il parquet di Toronto all’overtime.

Derrick Rose non sente la pressione: torna a disputare una gara di playoff dopo 3 anni – l’ultima nel 2012 contro Phila prima del lungo infortunio al ginocchio – e incanta il pubblico dello United Center di Chicago. Finisce il match con una prestazione d’alto livello, condita da 23 punti e 7 assist. I Bulls vengono trascinati anche da Jimmy Butler che di punti ne mette 25. I giovani Bucks non trovano mai il modo giusto di contrastare lo strapotere fisico e di esperienza degli avversari, uscendo a testa bassa dal ‘derby del lago Michigan’. Da segnalare soltanto i 18 punti per Khris Middleton, unico a salvarsi nella compagine di Milwaukee.

L’unica vittoria esterna, infine, è dei Washington Wizards che sconfiggono i Toronto Raptors all’Air Canada Centre. Toronto, dopo essere stata sempre sotto nel punteggio nei primi tre quarti di gioco, con un parziale di 26-17 nell’ultimo quarto, riesce a portare il match all’overtime. Washington però non si fa intimorire dal pubblico nemico e torna in cattedra, chiudendo sul punteggio finale di 93-86. Paul Pierce è autore di un’altra prova magistrale, 20 punti finali e canestri decisivi per i Wizards. Dall’altra parte non bastano i 18 di Amir Johnson.

  •   
  •  
  •  
  •