NBA, primo canestro di un giocatore di origini indiane. Ecco chi è Sim Bhullar (VIDEO)

Pubblicato il autore: Valerio Mingarelli Segui

nba primo canestro bhullar

In questi giorni è lo sportivo che ha più occhi addosso al mondo. Notarlo non è difficile: parliamo di un gargantuesco omaccione di 23 anni alto 226 cm per un peso forma di 155-156 kg. Insomma, non il ballerino di polka del vostro cuore, ma comunque un atleta. Perché i media sono così attenti a lui? Gursimran Bhullar, detto Sim per questioni di economia linguistica, è figlio di genitori di etnia Sikh, arrivati anni prima nel Nordamerica dal Punjab, stato dell’India proprio a maggioranza di etnia Sikh. Sia chiaro: Sim, il quale è tutto fuorché slim, è nato in Canada a Toronto, ma le sue origini indiane sono evidenti, soprattutto da un punto di vista somatico. E visto che l’India, fino a prova del contrario, vanta circa un miliardo di abitanti, come nuovo mercato da invadere “manu militari” per la Nba è un boccone ghiotto, nonostante da Calcutta a Mumbay in pochi sanno al momento cosa sia non dico un fallo di sfondamento, ma anche soltanto un canestro. Il corpaccione di Sim non ha vissuto la gioia di essere scelto al draft 2014 dopo alcuni buoni anni a New Mexico State, team periferico del college basket ma dove il centrone indio-canadese ha appreso le fondamenta del mestiere. Lui però non si è perso d’animo, e in D-League ha lavorato sodo. Nel sistema run&gun dei Reno Bighorns, perde persino una quindicina di chili. Così i Sacramento Kings, franchigia californiana che dal 2013 ha il magnate della piccola computeristica Vivek Ranadivè, ha deciso di fargli una chanche firmandolo con un decadale (contratto di 12 giorni). Nel match d’esordio contro Minnesota, l’osservato speciale ha giocato la miseria di 16 secondi senza neanche palpare il pallone. Nel match esterno con gli Utah Jazz però, il centrone oversize ha segnato il suo primo canestro in semigancio destro (sotto il video). Quell’invasione di palle e canestri lungo il Gange oggi è decisamente meno lontana.

  •   
  •  
  •  
  •