Mercato NBA, Boston pronti ad accogliere Noah

Pubblicato il autore: Domenico Fumarola Segui

Mercato NBA, i Bulls vogliono scambiare Noah

Il centro francese, finito ai margini delle rotazioni dei Bulls è in cerca di una nuova franchigia ed i Celtics sembrano poter offrire a Chicago buone alternative.

Nei giorni scorsi vi avevamo parlato della necessità, per i Chicago Bulls, di disfarsi di Joakim Noah, visto l’altissimo ingaggio percepito dal centro francese (13 milioni di dollari all’anno), che in questa stagione è diventato la terza scelta nel ruolo di lungo del roster di coach Fred Hoiberg. Nelle prime 10 gare della stagione NBA 2015-16, infatti, i lunghi titolari di Chicago sono stati Nikola Mirotic e Pau Gasol, con Taj Gibson pronto a subentrare e Noah conseguentemente costretto a passare più minuti in panchina che sul parquet.

Per il trentenne centro francese, quindi, una cessione sarebbe un modo per rivedere il campo partendo in quintetto e per dimostrare di non essere un atleta già finito, dopo essere stato negli anni scorsi un fattore difensivo per i Bulls ed un play alternativo in fase offensiva. Tra le franchigie NBA alla ricerca di un centro che permetta di fare il salto di qualità alla squadra in ottica post-season ci sono sicuramente i Boston Celtics, che hanno iniziato la stagione con 6 vittorie e 4 sconfitte, grazie alle prestazioni di Isaiah Thomas, Marcus Smart ed Avery Bladley nel reparto guardie, dell’ala Crowder e dei lunghi Sullinger e Lee. Un innesto sotto canestro come Noah, però, non dispiacerebbe a coach Brad Stevens, vista l’abilità difensiva del pivot dei Bulls e la grande capacità di gestire la palla a spicchi all’interno del pitturato, che consentirebbe a Thomas di godere di maggiore libertà e creatività.

Leggi anche:  Mercato NBA Harrell: "Lakers mi hanno voluto, Clippers no"

L’interesse dei Celtics per Noah è riferito dal blog ‘Allaboutrookies’, che ipotizza le probabili pedine di scambio di Boston per arrivare al centro francese: ai Bulls potrebbe finire Marcus Smart, per creare sin da subito con Derrick Rose e Jimmy Butler un trio altamente esplosivo, veloce e spettacolare. Ma a Chicago potrebbe anche interessare, in ottica futura, una scelta al draft 2016, che i Celtics non lascerebbero volentieri ai ‘Tori’. La trattativa di mercato NBA sembra utile ad entrambe le franchigie ed il tempo di studiare le pedine di scambio c’è, per cui entro febbraio qualcosa si muoverà nei roster di Chicago e Boston.

  •   
  •  
  •  
  •