Risultati Nba 15 gennaio: Gallinari stecca, Bargnani ne fa 12

Pubblicato il autore: show80 Segui

Generated by IJG JPEG Library

Ecco il quadro completo sui risultati NBA 15 gennaio: chi vince e chi perde nella Lega di Basket più affascinante del Mondo con uno sguardo ai nostri Azzurri negli States…

Tutti i risultati NBA 15 gennaio:

Houston Rockets – Cleveland Cavaliers 77-91
HOU: Howard 14 (11 rimb), Harden 11, Beverley 1
CLE: James 19, Love 11 (13 rimb), Smith 13, Irving 23, Thompson 10

Al Toyota Center di Houston, Cleveland torna a vincere tenendo la squadra di casa sotto gli 80 punti con una gran bella difesa e limitando James Harden (2/10 dal campo), fermando Houston che veniva da 5 vittorie consecutive. Autore di una gran prestazione è  Irving con 23 punti, mentre sono 19 punti con 7 assist per LeBron James. Già dalla palla a due il match va verso la direzione degli ospiti che, alla fine dell’intervallo lungo sono già a +11 ( 35-46) e toccano il +21 nella ripresa. Adesso i Cavs tornano in Ohio per giocare in casa cinque delle prossime sei partite, dopo le sei trasferte condite da 5 vittorie.

Denver Nuggets – Miami Heat 95-98
DEN: Gallinari 11, Arthur 18, Faried 14, Harris 11, Mudiay 16
MIA: Deng 12, Bosh 24, Whitesoide 19 (17 rimb, 11 stop), Udrih 11 (11 ass), Johnson 15
Gallinari 11 pt (1/5, 1/5, 6/&), 4 rimb, 2 ass, 3 perse in 37

Miami vince in rimonta a Denver con gli l’ultimo minuto decisivo ed esaltante. Gallinari ( 11 punti con 2/10 dal campo. Per lui peggior partita del 2016 con meno di 20 punti) , ad 8 secondi dalla fine, ha avuto la palla della vittoria ma, la sua tripla, è andata fuori bersaglio.
Grandissimo protagonista, Miami  senza Wade e Dragic, è stato Whiteside ( 11, dicasi 11 stoppate. Nessuno ne ha messe a referto tante quest’anno in NBA) che, dopo essere stato accusato dai suoi compagni di squadra, si esibisce in una tripla doppia portando Miami alla vittoria (19+17+11 stoppate). Denver chiude la prima parte della gara sul +16 (62-46) ma la rimonta di Miami è perentoria e, con un terzo quarto strepitoso ( 16-30), riesce a riemergere dagli abissi.

New Orleans Pelicans – Charlotte Hornets 109-107
NOP: Davis 22, Gordon 10, Evans 12, Holiday 13 (10 ass), Anderson 32
CHA: Williams 10, Batum 25, Walker 25, Kaminsky 19
Per una sera Ryan Anderson (32 con 6 triple) s’inventa Curry, poi è la connessione Holiday-Davis per l’alley-oop a chiudere la partita a 2” dal termine. Hornets ko in una partita combattutissima.

Milwaukee Bucks – Atlanta Hawks 108-101 Ot
MIL: Antetokounmpo 28 (16 rimb), Parker 10 (10 rimb), Monroe 15 (12 rimb), Middelton 26, Carter-Williams 15, Henson 10
ATL: Millsap 23 (10 rimb), Korber 17, Teague 9 (10 ass), Schroder 16
Finalmente il vero Antetokoumpo 28+16 e i Bucks fanno lo sgambetto agli Hawks dopo un OT. Ad un minuto dalla fine Atlanta pareggia sul 95-95 mettendo in bilico il risultato. Sarà  Carter-Williams a salvare Milwaukee stoppando Jeff Teague!
Nell’overtime, un break di 9-0 a favore dei padroni di casa, metterà in cassaforte il risultato con Antetoukounmpo gran protagonista.

Oklahoma City Thunder – Minnesota Timberwolves 113-93
OKC: Durant 21, Ibaka 13, Adams 12, Westbrook 12 (11 rimb, 10 ass), Waiters 20, Payne 14
MIN: Wiggins 25, Towns 9 (12 rimb), Pekovic 10, Muhammad 15, LaVine 13
Un solo nome ed una sola certezza: Russell Westbrook. Il giocatore  firma la sua 23esima Tripla-Doppia in carriera (12+11+10) e  mette k.o Minnesota con un primo quarto a dir poco perfetto ( 60 per cento dal campo). Kevin Durant realizza 21 punti, con 7/14 dal campo,  ne segna 15 nei primi 24 minuti e, assieme ai 10 dalla panchina di Waiters, guida i suoi al +14 (57-43) alla sirena del riposo lungo. Nel 3° periodo la marcia di OKC non si ferma e i padroni di casa si arrendono mestamente.

Boston Celtics – Phoenix Suns 117-103
BOS: Crowder 17, Johnson 13, Sullinger 11 (10 rimb),
Bradley 17, Thomas 19, Smart 10 (10 rimb, 11 ass), Olynyk 21
PHX: Knight 16, Warren 13, Weems 10, Teletovic 22

La vendetta dell’ex s’infrange sui Suns, 19 per Thomas che gioca in modo strepitoso. La partita è segnata nel primo periodo con un Marcus Smart che realizza la sua prima  tripla doppia (10 punti, 11 assist e 11 rimbalzi) .  Il secondo quarto dei Celtics è stratosferico,  con un  32-18 e 15 punti di Kelly Olynyk. I Celtics non scendono mai sotto il +13 e amministrano facilmente la partita.

Brooklyn Nets – Portland Trail Blazers 104-116

BKN: Johnson 15, Young 11, Lopez 25, Ellington 10, Sloan 15, Robinson 11, Bargnani 12
POR: Aminu 10, McCollum 13, Lillard 33 (10 ass), Crabbe 19, Davis 14 (10 rimb)
Bargnani 12 pt (3/6, 1/1, 3/4), 1 rimb, 1 rec, 1 persa in 13’
I Nets così devono arrendersi ad un super Lillard e incassano la loro sesta sconfitta nelle ultime sette gare. Buona prova di Andrea Bargnani che chiude con 12 punti (4/6 da due e 1/1 da tre) in 14’ di gioco.
Terza vittoria consecutiva per i Portland Trail Blazers  trascinati
dai 33 punti di Damian Lillard; Nets che conducono le danze sul 92-86 a 8’41”  dalla fine, Portland  piazza un break di 19-2 con 10 punti di Lillard per il +11 (94-105) a 4’26” che segnerà la fine dell’incontro.

Chicago Bulls – Dallas Mavericks 77-83
CHI: Gasol 17, Gibson 9 (11 rimb), Rose 18
DAL: Nowitzki 21, Pachulia 9 (10 rimb), Williams 18

I Dallas Mavericks vincono in rimonta a Chicago grazie al tandem
Nowitzki-Williams , Butler segna solo 4 punti sparacchiando tiri in lungo e in largo e sbaglia la tripla del sorpasso a 1 secondo dalla fine.
All’intervallo lungo Chicago vola sul +10  (46-36) con i Mavs che riducono lo strappo nel terzo periodo  Deron Williams e Nowitzki che, con le loro bombe, riescono a vincere la partita.

Indiana Pacers – Washington Wizards 104-118
IND: George 21, Ellis 17, G.Hill 19, Allen 15, Turner 10
WAS: Wall 28, Beal 22, Neal 12, Blair 12, Sessions 10
Ormai i Wizards sono sempre più di Wall (28+7+8), neanche George riesce a fermarlo (21+7). I Pacers che chiudono a fatica il 1° quarto avanti 27-24, ma un break di 4-20 per gli ospiti sbaragliano i padroni di casa con i capitolini che riescono a condurre per tutta la partita portandosi a casa la vittoria.  Ottime notizie per Washington che ritrovano  Bradley Beal che chiude con 22 punti in 22 minuti.

  •   
  •  
  •  
  •