NBA Western Conference: la situazione a tre settimane dal termine della stagione

Pubblicato il autore: Alberto Pedrazzini Segui

nba

NBA: dopo l’analisi sulla Eastern Conference (che potete leggere a questo link) è il turno di quella della Western Conference.
Squadre già qualificate ai playoff NBA: i Golden State Warriors (64 vittorie e 7 sconfitte) hanno stra-dominato la stagione regolare NBA e sono in corsa per battere il record di vittorie stagionali detenuto dai Chicago Bulls di Michael Jordan; i San Antonio Spurs (60-11) hanno dominato ma tutto passa in secondo piano rispetto a quanto fatto da Stephen Curry e compagni. Anche gli Oklahoma City Thunder sono già sicuri di un posto nella post-season con un record di 50 vittorie e 22 sconfitte, ma OKC sembra essere parecchi passi indietro rispetto a Golden State e a San Antonio.

Squadre non ancora qualificate: a meno di clamorosi crolli i Los Angeles Clippers (44-27) e i Memphis Grizzlies (41-31) giocheranno i playoff 2016. Desta particolare ammirazione quanto fatto dai Grizzlies, che a febbraio hanno perso Marc Gasol, ovvero il proprio miglior giocatore, per tutta la stagione. Nonostante ciò Memphis ha saputo reinventarsi giocando con Zach Randolph da centro e rivitalizzando un giocatore come Lance Stephenson, arrivato dai Clippers negli ultimi giorni di mercato NBA con alle spalle una stagione e mezzo di disastri. A Memphis si è rivisto il vero Born Ready (come vi abbiamo parlato in questo articolo).
Squadre ancora in corsa: i Portland Trailblazers sono sesti (37-36), i Dallas Mavericks sono settimi (35-36) mentre gli Houston Rockets e gli Utah Jazz sono rispettivamente ottavi e noni con lo stesso record: 35 vittorie e 37 sconfitte. Quale sarà la squadra che resterà fuori dai playoff NBA tra queste quattro? Segnaliamo solo l’incredibile passo indietro fatto dai Rockets, che nella passata stagione raggiunsero le finali della Western Conference e oggi rischiano di restare fuori dalla post-season.
Squadre fuori dai playoff: la matematica condanna i Los Angeles Lakers (15-56), i Phoenix Suns (20-51) e i Minnesota Timberwolves (23-48) ma le posizioni playoff sono troppo lontane anche per i Denver Nuggets (30-42), per i Sacramento Kings (27-44) e per i New Orleans Pelicans (26-45).

Chiudiamo l’analisi facendo notare che rispetto all’anno scorso si sono invertite le parti con la Eastern Conference. Quest’anno è ad Ovest che una squadra con record negativo rischia di andare ai playoff NBA. Che la Western Conference sia diventata la “conference debole”?

  •   
  •  
  •  
  •