NBA playoff 2016: promossi e bocciati delle gare del 20/4

Pubblicato il autore: Alberto Pedrazzini Segui

NBA playoff

Continuano le serie del primo turno dei NBA playoff 2016. Nella notte sono state giocate tre gare 2: Charlotte Hornets-Miami Heat 103-115, Portland Trailblazers-Los Angeles Clippers 81-102 e Detroit Pistons-Clevelans Cavaliers 90-107. Partiamo da quest’ultima partita per elencare il primo promosso di giornata. Stiamo parlando di un ospite abituale di questa lista: Lebron James. Il Re ha messo in chiaro le cose sin da subito per evitare un match difficile come quello di gara 1. Alla fine LBJ ha chiuso con 27 punti (12/18 dal campo), 6 rimbalzi e 3 assist. Si merita un plauso anche J.R. Smith, che è stato autore di 21 punti con 7/11 da dietro l’arco del tiro da tre punti. Restiamo nella Eastern Conference per il terzo promosso delle gare dei NBA playoff di ieri. Dwyane Wade ha dimostrato ancora di essere una delle migliori guardie della National Basketball Association. Il n.3 di Miami ha chiuso con 28 punti. Impossibile non citare la prestazione di Hassan Whiteside, che ha fatto registrare una doppia doppia da 17 punti e 13 rimbalzi senza alcun errore: 8/8 da due e 1/1 dalla lunetta.

Qualcosa a Charlotte sta mancando in questi NBA playoff 2016. In gara 1 gli Hornets hanno subito un K.O. memorabile (91-123 il punteggio finale) mentre nella seconda partita della serie non hanno mai segnato da dietro l’arco dei tre punti. Quest’ultima frase non è un modo di dire visto che Charlotte ha chiuso gara 2 con il 6,2% da tre punti. Probabilmente l’emozione e l’inesperienza stanno giocando dei brutti scherzi agli Hornets, la stessa cosa che sta succedendo ai Portland Trailblazers. La franchigia dell’Oregon ha perso di 21 punti ma a fine terzo frazione il passivo era di soli 6 punti. Negli ultimi dodici minuti i ragazzi di coach Terry Stotts si sono sciolti perdendo il quarto per 20-35. Tra i bocciati è quasi impossibile non citare il leader della squadra: Damian Lillard. Il playmaker ha chiuso con 22 punti ma ha tirato molto male dal campo: 6/22. In particolare è andato malissimo in una delle specialità della casa: il tiro da tre punti. Da dietro l’arco ha tirato sei volte senza mai segnare. Lillard sta perdendo nettamente il confronti con Chris Paul, anche ieri autore di una prova da leader: 25 punti e 6 assist.

  •   
  •  
  •  
  •