Mercato NBA 2016: Durant è il primo obiettivo dei Miami Heat

Pubblicato il autore: Alberto Pedrazzini Segui

mercato nba 2016

Il mercato NBA 2016 sarà caratterizzato dall’innalzamento del salary cap e dunque i free agent potranno chiedere moltissimo in cambio delle loro prestazioni. Il FA più ambito del mercato NBA 2016 sarà certamente Kevin Durant. L’ala è impegnata con i suoi Oklahoma City Thunder nelle finali della Western Conference contro i Golden State Warriors. Le due squadre sono sull’1-1 visto che OKC ha strappato la vittoria in trasferta in gara 1 per poi subire un netto K.O. in quella successiva. Ora la serie si sposterà in casa Thunder per i prossimi due incontri. In molti pensano che se non dovesse arrivare l’anello Durant possa cambiare aria. Nonostante la presenza nel roster di due superstar come KD e Russell Westbrook, Oklahoma City ha raccolto solamente una gita alle finali NBA nel 2012, perse 4-1 contro i Miami Heat di Lebron James. Il paradosso è che la squadra che gli ha tolto da sotto il naso l’anello potrebbe essere la sua nuova casa. Infatti sembra che Pat Riley voglia puntare tutto il suo mercato NBA 2016 su Kevin Durant. Miami è già una squadra di alto livello e negli ultimi playoff è stata eliminata in semifinale di Conference dai Toronto Raptors per 4-3. Con KD in squadra gli Heat contenderebbero ai Cleveland Cavaliers la prima posizione ad Est.

I miracoli di Pat Riley

Se c’è un uomo che può portare Durant ai Miami Heat quello è proprio Pat Riley. Da quando è alla guida della franchigia ha compiuto dei veri e propri miracoli di basket mercato. Fu lui che andò a prendere Shaquille O’Neal dai Los Angeles Lakers nel 2004 ma il suo capolavoro fu rifirmare Dwyane Wade ed ingaggiare Lebron James e Chris Bosh formando i Big Three di Miami. Da non sottovalutare l’operazione di ricostruzione post-Lebron con gli acquisti di un play ambito come Goran Dragic (anche se il suo rendimento è stato inferiore alle attese), di giocatori di esperienza come Luol Deng e Joe Johnson, la scoperta di Hassan Whiteside e la scelta al draft 2015 di Justise Winslow. Un miracolo, questa volta non di Pat Riley, potrebbe essere il ritorno in campo di Chris Bosh. Il lungo, per la seconda volta consecutiva, ha terminato anzitempo la propria stagione per dei coaguli di sangue che si sono formati nel suo corpo. Sembrava che la carriera dell’ex Raptors potesse essere in pericolo ma in realtà gli ultimi aggiornamenti lo danno in campo il prossimo anno.

  •   
  •  
  •  
  •