Mercato NBA: Dwight Howard: “Non ho ancora deciso il mio futuro”

Pubblicato il autore: Alberto Pedrazzini Segui

mercato nba

Dwight Howard sarà uno dei grandi protagonisti del mercato NBA di questa estate. Il centro ha ancora un anno di contratto con gli Houston Rockets ad oltre 23 milioni di dollari ma può decidere di uscire dall’accordo e diventare free agent. Sembra che la sua intenzione sia quella di cercare un contratto da oltre 30 milioni di dollari a stagione anche considerato il fatto che dall’anno prossimo il salary cap si alzerà e potrà guadagnare di più. Queste le parole di Dwight Howard rilasciate a Inside The NBA: “Non so ancora cosa farò nel mercato NBA di questa estate, se uscirò dal contratto o no. Non ci ho nemmeno pensato. L’eliminazione al primo turno e il modo in cui siamo stati buttati fuori mi ha fatto molto arrabbiare, mi ha fatto male, così come mi ha fatto molto male la stagione che abbiamo fatto. Avevamo due grandi giocatori come me e James Harden ma non siamo stati in grado di essere grandi in questa stagione. Questo fatto mi ha fatto molto arrabbiare. E così sono andato in vacanza una settimana per staccare la spina dal gioco e ho già iniziato ad allenarmi per preparare me e il mio corpo alla perfezione. Voglio dominare dalla pre-stagione fino alla fine. Questo è il mio obiettivo, non la free agency. Voglio vincere, ecco perché gioco, prima di terminare la carriera voglio essere su quel podio“.

Stuzzicato dalle parole di Charles Barkley (“Penso che tu fossi demotivato a Houston e ti dico il perché. Secondo me è molto frustante giocare con un giocatore come James Harden. Lui è un realizzatore fenomenale ma è uno che palleggia, palleggia, palleggia e poi o va in penetrazione o tira da tre punti. Non mi interessa giocare con uno così e a me è sembrato di vederti disinteressato“) Dwight Howard ha parlato della sua esperienza con gli Houston Rockets:Disinteressato? Io sono sempre interessato a vincere ma certe volte vuoi sentirti parte di ciò che sta succedendo. Ci sono state volte in cui mi sono arrabbiato e sono uscito mentalmente dalla partita e questa è solo colpa mia. Devo crescere sotto questo aspetto per diventare un giocatore migliore. Sono sempre interessato al gioco“.

  •   
  •  
  •  
  •