Alessandro Gentile NBA: “L’anno prossimo voglio i Rockets”

Pubblicato il autore: Alberto Pedrazzini Segui

Alessandro Gentile NBA

Alessandro Gentile NBA è un matrimonio che prima o poi si farà. A quanto pare più prima che poi. Il capitano dell’EA7 Emporio Armani Milano è stato intervistato dal guru del mercato NBA Adrian Wojnarowski per il sito The Vertical. Ecco quali sono state le dichiarazioni del fresco campione d’Italia: “Il mio obiettivo è quello di giocare in NBA nella prossima stagione. Spero che questo possa accadere. Per me Mike D’Antoni è una leggenda per il basket italiano, un esempio per tutti. Mi piacerebbe essere allenato da lui. Ho avuto l’occasione di crescere molto nell’ultima stagione, giocando da capitano in una squadra importante come Milano e vincere due titoli da leader della squadra. Questo mi ha aiutato molto a migliorare, è il momento giusto per andare in NBA e giocare“. Dunque per far sì che il matrimonio Alessandro Gentile NBA si faccia la palla passa in mano agli Houston Rockets. I texani scelsero la guardia della nazionale italiana al draft del 2014 e sono molto interessati ad averlo in squadra nella prossima stagione. Ma, prima di mettere sotto contratto l’azzurro, Houston vuole arrivare al mercato dei free agent con il maggior spazio salariale possibile, per questo motivo Alessandro Gentile dovrà aspettare fino a luglio.

Alessandro Gentile NBA: “James Harden è una superstar”

L’ex Benetton Treviso ha parlato a The Vertical di quello che dovrebbe essere il suo compagno di squadra più illustre nella prossima stagione: James Harden. “Lui è una superstar, uno dei migliori giocatori del mondo. Penso che potrei essere utile alla squadra in diverse maniere: tirare, segnare e passare. Sono pronto a inserirmi alla perfezione. Il mio sogno è giocare a Houston per Mike D’Antoni, ma se non è possibile giocare per i Rockets voglio comunque approdare in NBA”. Con il matrimonio Alessandro Gentile NBA in via di definizione l’Olimpia Milano si ritrova senza il proprio leader tecnico e carismatico. Evidentemente Mike D’Antoni  ha un debole per le giovani stelle italiane dell’Olimpia Milano: alla guida dei Knicks al draft 2008 scelse Danilo Gallinari, otto anni dopo l’ex Arsenio Lupin si porta in America Alessandro Gentile. L’EA7 sostituirà il proprio capitano facendo giocare stabilmente Rakim Sanders da ala piccola e tenendo in roster Simone Fontecchio.

Il link all’articolo di The Vertical

  •   
  •  
  •  
  •