Draft NBA 2016: a 20 anni di distanza dallo storico 1996

Pubblicato il autore: Alberto Pedrazzini Segui

Draft NBA 2016

Nella notte si è svolto il draft NBA 2016. Come ci ha raccontato il nostro Valerio Mingarelli in questo articolo, Ben Simmons è stato scelto alla prima posizione dai Philadelphia 76ers, i Los Angeles Lakers hanno chiamato Brandon Ingram alla n.2 mentre i Boston Celtics hanno puntato su Jaylen Brown alla n.3. In questo articolo vogliamo concentrarci sull’anniversario del draft 1996, una delle classi di rookie più forti di sempre. Proprio come nel draft NBA 2016, la chiamata n.1 fu dei Philadelphia 76ers. I Sixers scelsero quello che è stato uni dei giocatori icona della seconda metà anni ’90 e per tutti gli anni 2000: Allen Iverson. I Toronto Raptors puntarono con la n.2 su Marcus Camby, la cui carriera in NBA è stata a dir poco solida e l’ha portato nel 2007 a vincere il premio di miglior difensore della stagione. Talento cristallino era quello di Shareef Abdur-Rahim, su cui puntarono i Vancouver Grizzlies. Alla posizione n.4 i Milwaukee Bucks presero un fenomeno pazzo come Stephon Marbury. Un altro pezzo dal 90 del draft 1996 fu Ray Allen, scelto alla n.5 dai Minnesota Timberwolves. Marbury e Allen cambiarono subito squadra con il primo che finì ai T’Wolves e il secondo ai Bucks. Un altro campione NBA, Antoine Walker, fu scelto dai Boston Celtics e per anni fu un leader dei biancoverdi prima di vincere il titolo con i Miami Heat nel 2006. La top 10 fu chiusa da giocatori solidi come Lorenzen Wright (Los Angeles Clippers), Kerry Kittles (New Jersey Nets), Samaki Walker (Dallas Mavericks) ed Erick Dampier (Indiana Pacers).

Draft NBA 2016: quali saranno i migliori steal of the draft

La scelta n.13 del draft 1996 fa capire quanto è stata storica quella classe di rookie. David Stern diede a quel ragazzo il cappellino degli Charlotte Hornets, ma la franchigia del North Carolina lo cedette immediatamente ai Los Angeles Lakers in cambio di Vlade Divac. Il nome di quel ragazzino di 17 anni è destinato a restare nella storia del basket visto che è Kobe Bryant. Come se non bastasse subito dopo il Black Mamba i Sacramento Kings scelsero Predrag Stojakovic e alla n.15 i Phoenix Suns scelsero un certo Steve Nash, ovvero il miglior playmaker della storia recente del gioco. Scendiamo alla 17 con i Portland Trailblazers  che puntarono su un futuro All Star come Jermaine O’Neal, alla n.20 i Cleveland Cavaliers chiamarono Zydrunas Ilgauskas e infine alla 24 i Los Angeles Lakers si portarono a casa Derek Fisher. Insomma se nel draft NBA 2016 ci sarà solo metà del talento di quello del 1996 allora ci potremo considerare fortunati.

  •   
  •  
  •  
  •