Mercato Nba: Rondo ai Bulls, ma l’attesa è tutta sulle decisioni di Durant e Wade

Pubblicato il autore: Valerio Mingarelli Segui

mercato nba
Mercato Nba: eppur qualcosa (anzi molto) si muove. L’ultimo colpo ufficializzato in ordine di tempo lo hanno messo a segno i Chicago Bulls: con un biennale da 28 milioni di euro la franchigia dell’Illinois ha rimpiazzato l’idolo di casa Derrick Rose (sbarcato nella Big Apple) con Rajon Rondo (foto). Il playmaker veterano, leader nella classifica degli assist (11,7 a sera) nella sua unica annata ai Sacramento Kings, avrà le redini dei “tori” e formerà (salvo inattese trade) con Jimmy Butler un tandem alquanto stuzzicante. L’attesa ora però è tutta per Kevin Durant: l’asso dei Thunder ha incontrato per ultima proprio la dirigenza del team col quale quest’anno ha sfiorato le Finals Nba. OKC resta in cima ai suoi pensieri, ma Golden State, Miami e Boston hanno messo sul piatto parecchio (specialmente i Warriors, che con il suo arrivo diventerebbero di diritto la squadra da battere per il 2017). IL 28enne di Washington si prenderà ancora 24 ore per scegliere: nella serata italiana di domani arriverà “The Decision”. Resta il fatto che tutte le voci Usa più autorevoli in tema di mercato Nba, da “The Vertical” a Marc Stein di Espn, danno per molto probabile una sua permanenza nell’Oklahoma, nonostante ci sia il forcing dei Celtics che hanno firmato Al Horford (113 milioni per 5 anni) anche per poter giocare al tavolo di KD35.

Tornando all’affaire Rondo, ora è scoperta la casella di point man proprio dei Sacramento Kings, che nel frattempo hanno firmato con un biennale l’ala Matt Barnes (l’anno passato a Memphis). Vlade Divac ha strizzato l’occhiolino all’esperto Deron Williams, certo di perdere Rondo, ma D-Will si è accordato per un altro anno a 10 milioni tondi con i Dallas Mavericks. Altro fronte sempre rovente è quello che riguarda Dwyane Wade: i Miami Heat hanno messo sul piatto 19 milioni per due anni. Ci sono però i Denver Nuggets pronti a mettere in campo un triennale e a cifre più robuste. Nelle ultime ore anche i Milwaukee Bucks si sono attivati per poter arrivare a lui. In calo invece le quotazioni delle due squadre newyorchesi: i Knicks non possono esagerare con l’offerta e i Nets non sono appetibili per un fuoriclasse arrivato però ai suoi ultimi valzer ad alto livello nella Lega. Alla finestra restano invece i Bulls, ma con meno chance rispetto a Nuggets, Heat e Bucks. Bulls che danno ormai per certa la partenza di Pau Gasol, conteso da Minnesota e Portland.

  •   
  •  
  •  
  •