L’incredibile favola di Stoudemire e dei Knicks

Pubblicato il autore: Giovanni Cardarello Segui

NBA Stoudemire New York KnicksAmar’e Stoudemire ha concluso la sua carriera come giocatore di basket nell’Nba in un modo incredibile, firmando un contratto di un giorno con i New York Knicks prima di dire addio al suo sport. “Una volta un Knick, sempre un Knick“, ha detto Stoudemire ringraziando i dirigenti della franchigia di New York che gli hanno dato la possibilità di ritirarsi come un membro della squadra.

NBA Stoudemire New York Knicks, la sua carriera

Nei suoi 14 anni come un professionista, Stoudemire ha giocato per quattro squadre, ottenendo una media di 18,9 punti a partita. Il potente pivot di 2,08 metri è stato i primi otto anni (dal 2002 al 2008) ai Phoenix Suns, dove con il canadese Steve Nash ha formato una coppia formidabile. Nel 2010 è stato ceduto ai Knicks, ma dopo una stagione superba negli anni successivi ha saltato molte partite per un infortunio al ginocchio e non è mai più riuscito a ritrovare il suo livello precedente. Nel 2015 ha lasciato la squadra. Stoudemire ha poi brevemente fatto parte dei Dallas Mavericks, mentre la scorsa stagione ha giocato per i Miami Heat. Il campione statunitense non ha mai vinto l’anello Nba e con la Nazionale, il Dream Team Usa,  alle Olimpiadi di Atene 2004, si è dovuto accontentare del bronzo. Adesso all’età di 34 anni il passo di addio con questa incredibile storia che solo l’NBA può regalare.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Mercato NBA Harrell: "Lakers mi hanno voluto, Clippers no"