NBA Lakers in positivo dopo 7 gare: non succedeva dalla stagione del Lockout

Pubblicato il autore: Lorenzo Siggillino Segui

NBA Lakers Luke Walton

NBA risultati della notte: Lakers battono in casa i Phoenix Suns

Altra ottima prova dei ragazzi di Luke Walton che cavalcano adesso una striscia positiva di 3 successi. Los Angeles sta affrontando il post-Kobe Bryant, ma la franchigia della California sembra cavarsela molto meglio di quello che i tifosi si potessero attendere. Nei risultati NBA della notte i Los Angeles Lakers sconfiggono i Phoenix Suns allo Staples Center per 119-108. Nella Western Conference NBA Lakers che ora si trovano al sesto posto con un record di 4-3, sopra il 50% di vittorie, pari merito con Utah Jazz attuale quinta forza dell’Ovest. Prova solidissima di Julius Randle (dopo la grande prestazione contro Golden State), per lui 18 punti con 6/9 al tiro. Al contrario, la serata di D’Angelo Russell non è granché: 11 punti ma solo 2/11 dal campo. Sale allora in cattedra Nick Young che mette giù 22 punti, segnando praticamente in ogni frazione importante della gara. In NBA Lakers che si stanno affidando molto all’apporto di Lou Williams dalla panchina e l’ex-Toronto non fa mancare nemmeno questa volta il suo aiuto: 14 punti conditi da 6 assist. Los Angeles spezza la gara già nei primi due quarti, raggiungendo un vantaggio intorno ai 17 punti, nel terzo periodo le distanze si accorciano ma L.A. resta in controllo con un margine in doppia cifra. A quel punto si abbatte sullo Staples Center il ciclone Devin Booker (è nata una stella? diremmo di sì): 14 punti in 6 minuti a cavallo tra gli ultimi due quarti. Suns rientrano ad un solo possesso di distanza quando mancano 5 minuti alla sirena finale, a rispondere è ancora Swaggy P che prima attacca Booker e gli segna in faccia da due punti, poi segna dall’arco subendo il fallo. Gara NBA Lakers contro Suns chiusa in maniera definitiva dalle triple di Clarkson e Russell: terza vittoria in fila per L.A e ovazione del pubblico dello Staples.

NBA Lakers 4 vittorie nelle prime 7: non accadeva dal 2011-2012

I Los Angeles Lakers hanno trovato la quarta vittoria, portandosi a 4-3 come record totale: un avvio di questo tipo è ben altra cosa rispetto a quanto accaduto nelle ultime stagioni. Per ritrovare un inizio di questo genere dobbiamo tornare indietro fino alla stagione del Lockout, quando in panchina siedeva Mike Brown, anche lì 4 vinte delle prime 7. Quell’anno il record finale fu di 41 vinte e 25 perse: playoff garantiti, primo turno contro Denver passato a gara-7 e sconfitta in semifinale di Conference contro OKC. I tifosi della squadra di Luke Walton ci metterebbero dieci firme se potessero. Nella NBA Lakers versione 2012-2013 che iniziarono 3-4, nella stagione che portò ben tre coach sulla panchina della franchigia della California. Nel 2013-2014, la squadra di Kobe Bryant iniziò nuovamente con 4 sconfitte nelle prime 7 di regular season, quando a guidare la formazione c’era D’Antoni. Nelle successive due stagioni NBA Lakers che sono sempre partiti (e hanno anche continuato) in maniera a dir poco non brillante: 1-6 in entrambi gli anni con Byron Scott come Head Coach.

NBA Lakers come nell’anno del lockout: sono rinati i Lakers?

Nella sfida contro Golden State tutti aspettavano Kevin Durant, Steph Curry, Klay Thompson. Alla fine è arrivata la W per i ragazzi di Walton, che conosce fin troppo bene i meccanismi di gioco dei Warriors. Dopo quella vittoria in cui i Lakers hanno messo in mostra un gioco scintillante e meno fasi di calo difensivo, viene spontaneo domandarsi: in questa NBA Lakers possono essere protagonisti? Sicuramente è una domanda lecita, perchè Luke Walton ha dimostrato di saperci fare, probabilmente il fatto di avere a disposizione tanti “progetti di giocatore” e tanti potenziali offensivi pronti ad esplodere lo esalta ed esalta le sue idee. Lou Williams è sempre stato molto dotato in una metà campo e meno nell’altra, in queste prime 7 gare viaggia a 15.5 punti di media, con 47% dal campo e più del 41% da tre. Attenzione però alla questione istinto: nel 2016-2017 della NBA Lakers hanno un roster con tanti giocatori istintivi e il basket di Walton è proprio sull’istinto per il gioco. A beneficiare di questo aspetto sono più di tutti Clarkson, D’Angelo Russell e Nick Young, non più ingabbiati in uno scacchiere tattico che ha il problema di disciplinarli, ma valorizzati da un contesto in cui l’imperativo è muovere la difesa e tenere il ritmo alto anche a costo di forzare qualche tiro.

Programma gare NBA della notte: Lakers a riposo, tornano in campo i Warriors

Nel calendario NBA Lakers che tornano in campo domani notte contro Dallas, stanotte sette gare, alcune davvero interessanti:
Indiana Pacers at Charlotte Hornets
Houston Rockets at Washington Wizards
Orlando Magic at Chicago Bulls
Miami Heat at Oklahoma City Thunder
Detroit Pistons at Los Angeles Clippers
New Orleans Pelicans at Golden State Warriors
Utah Jazz at Philadelphia 76ers

  •   
  •  
  •  
  •