Nba, risultati della notte: cadono Gallo e LeBron, Portland vola!

Pubblicato il autore: Giovanni Matteo Tuzzi Segui

Nba Gasol Denver
Ecco tutti i risultati della notte Nba!

Cleveland Cavaliers – Atlanta Hawks 106-110

Arriva la prima sconfitta stagionale per I Cavaliers, che di fronte al pubblico amico cedono al fotofinish con gli Hawks. Atlanta si conferma (5-2) come una delle migliori difese del campionato e hanno un grande impatto in attacco grazie a Schroder, Bazemore e Millsap, mentre Dwight Howard ha fatto la voce grossa sotto i tabelloni, raccattando ben 17 rimbalzi. Bazemore ha segnato il tiro in sospensione a 6,8 secondi dalla fine che ha regalato agli ospiti la vittoria. Di fronte al 50,6% al tiro degli Hawks, LeBron e compagni non sono riusciti a fare la voce poi tanto grossa. Il migliore per i padroni di casa è stato Irving, con 29 punti, ma ottenuti con ben 27 tiri.

Brooklyn Nets – Minnesot Timberwolves 119-110

I Timberwolves (1-5) dopo cinque gare dal buon impatto difensivo, che però difficilmente sono sfociate in vittorie, facevano visita ai Nets che hanno toccata il record di punti stagionale toccando quota 119, anche grazie all 55,3% dal campo. Sei giocatori in doppia cifra per i padroni di casa, che sono stati sufficienti per mandare al tappeto Minnesota, nonostante le 20 palle perse e il season high di Andrew Wiggins, 36 punti. Grande prestazione di Brook Lopez, che ha vinto il duello con Town, siglando 26 punti, 3 rimbalzi, 3 stoppate e 1 assist. Ottima la prestazione anche di Trevor Booker, con 15 punti, 9 rimbalzi e 3 rubate. Ancora un’ottima partita partendo dalla panchina per Sean Kilpatrick, con 14 punti, 5 rimbalzi, 3 assist e 1 rubata.

Memphis Grizzlies – Denver Nuggets 108-107


Tutto si decine nel finale particolaremnte concitato. I Nuggets a 7 secondi dalla fine sono a +1 grazie alla schiacciata di Mudiay dopo la palla rubata di Harris. Sull’ultima rimessa, però, succede il patatrack: Vince Carter alza in mezzo all’area per Marc Gasol che riesce a spingere la palla a canestro proprio sulla sirena.  I Nugget tirano meglio ai liberi e da tre, raccolgono più rimbalzi, ma perdono 22 palle, di cui alcune molto pesanti nell’ultimo quarto. Non bastano a Denver i 21 punti di Gallinari e i 23 di Mudiay. Gasol, Randolph e Vince Carter trascinano Memphis alla quarta vittoria stagionale.Portland Trail Blazers – Phoenix Suns 124-121

Ancora una volta sono state le due punte di diamante Lillard e McCollum a fare la differenza per Portland. Dopo il career high da 37 punti a Memphis domenica, McCollum ha continuato il suo personale momento di estasi cestitica, siglandone altri 33 ai Suns. Eppure nel primo quarto i padroni di casa vincevano addirittura di 17 punti. Un vantaggio sfumato poi con il passare del tempo, per un partita punto a punto che si è conclusa come i tifosi dei Blazers sanno molto bene. L’orologio segna l’ora di Lillard e nel momento decisivo alla fine il campione di Portland piazza due triple che mettono in cassaforte il successo. Non bastano ai Suns i 31 punti di Bledsoe e i 23 punti di Booker.

Los Angeles Lakers – Dallas Mavericks 97-109

Ancora un’altra sconfitta per I Lakers, che adesso sono esattamente al 50% in stagione (4-4). Questa volta ad avere la meglio sono i Mavericks, mentre i Lakers interrompono una serie di tre vittorie di fila in casa. È stata la grande serata dell’ex Warriors Harrison Barnes, che ha siglato 31 punti tirando 11/18 dal campo e togliendo le castagne dal fuoco più di una volta nell’ultimo quarto. Un buon parziale da 14-6 aveva consentito ai Lakers di rifarsi sotto ad inizio del quarto periodo, andando in vantaggio 91-89 a 7’ dalla fine, grazie a cinque punti in fila di Jordan Clarkson. A Dallas è bastato cercare con insistenza Barnes in questo momento della partita e l’oro olimpico di Rio ha risposto presente, con un parziale personale di 7-0 che ha ricreato un buon vantaggio per gli ospiti. I punti di Matthews e Curry ha portato il vantaggio in doppia cifra, che è stato poi mantenuto fino alla fine.

Sacramento Kings – New Orleans Pelicans 102-94

Contro I Pelicans in caduta libera (0-8), i Kings hanno vita abbastanza facile nel cogliere la loro quarta vittoria in stagione (4-5). Sembra che New Orleans non riesca sul serio a giocare bene in difesa e in attacco durante la stessa partita in questa stagione. Dopo aver permesso a Steph Curry di realizzare il record di tiri da tre solamente una notte fa, questa volta è stato l’attacco che non è girato come al solito, con solo 94 punti realizzati. Non sono serviti nemmeno i 34 punti di Anthony Davis: quando tiri 5/21 da tre i miracoli non possono accadere. È stato l’ex Denver Aaron Afflalo a spaccare la partita: in 45 secondi, ha portato il vantaggio dei padroni di casa dal 93-88 al 97-88 che ha permesso di mettere in cascina un’altra W.

  •   
  •  
  •  
  •