NBA Wiggins mostruoso: 47 punti e Minnesota vola

Pubblicato il autore: Lorenzo Siggillino Segui

NBA Wiggins 47 Minnesota Lakers

Nelle partite della notte NBA Wiggins dice 47, Minnesota sconfigge i Lakers

Grandissima prova dei Minnesota Timberwolves che stanno lentamente risalendo nella Western Conference. I ragazzi di coach Tom Thibodeau nella notte hanno sconfitto i Los Angeles Lakers al Target Center di Minneapolis: risultato finale Los Angeles Lakers-Minnesota Timberwolves 99-125. La squadra di Luke Walton arrivava a Minneapolis con 6 vinte e 4 perse, i padroni di casa con sole 2 vittorie e 6 sconfitte. Nei tabellini delle partite giocate nella notte NBA Wiggins spicca immediatamente con i suoi 47 punti, prova magistrale della prima scelta del Draft 2014. Tanto Andrew Wiggins per i Twolves, ma anche sette in pagella per Ricky Rubio, Karl-Anthony Towns e Nemanja Bjelica, fantastico proprio Bjelica career high 24 punti. Ovviamente si tratta di career high anche per Andrew Wiggins, che non aveva mai segnato 47 punti in una partita NBA e, a dir la verità, nessun canadese ci era mai riuscito prima di lui.

Risultati della notte NBA Wiggins career high: corsa playoff Western Conference

Nei risultati NBA delle partite giocate nella notte vince Minnesota contro Los Angeles: questi, tutti gli altri risultati.
Charlotte Hornets at Cleveland Cavaliers 93-100 (Highlights Charlotte-Cleveland)
Orlando Magic at Oklahoma City Thunder 119-117
Phoenix Suns at Golden State Warriors 120-133
Denver Nuggets at Portland Trail Blazers 105-112 (Highlights Denver-Portland)
Tra le partite NBA della notte spicca la vittoria di Orlando ad Oklahoma City, Denver terza sconfitta consecutiva a Portland. Lakers perdenti a Minneapolis, ora la squadra di Walton ha un record di 6-5 e galleggia intorno alla settima, ottava posizione dell’Ovest (il coach e i tifosi ci metterebbero mille firme per chiuderla ora). Ad inseguire ci sono i Grizzlies, i Sacramento Kings, Minnesota e Denver. Sacramento e Denver non sembrano poter andare a lottare per la conquista dei playoff NBA nella Western Conference, troppi problemi interni per entrambe le franchigie. Minnesota e Memphis sembrano decisamente più solide e potranno giocarsela fino alla fine per l’ottava piazza.

Leggi anche:  Mercato NBA Harrell: "Lakers mi hanno voluto, Clippers no"

In NBA Wiggins 47 punti, nessun canadese come lui: analisi di Lakers-Timberwolves

La formazione di Walton si preoccupa di segnare più degli avversari e in un sistema del genere ci stanno dei passaggi a vuoto difensivi, ci mancherebbe. Purtroppo per il coach di LA le amnesie sono troppe e al Target Center non è consentito, visto che i padroni di casa hanno un potenziale offensivo da non trascurare. La gara giocata nella notte NBA Wiggins la inizia mostrando il repertorio: primo quarto con punti in contropiede, tiri piazzati, stoppate e lavoro in post. Si aggiunge anche Karl-Anthony Towns e Rubio sembra essere tornato quello vero: Minnesota scappa subito sul +9. Dall’altra parte è Russell, insieme a Nick Young a prendersi le maggiori responsabilità offensive. Nel secondo quarto, i Lakers tornano sotto di una lunghezza, ma poi è proprio il canadese a ricacciarli indietro con l’aiuto di un importante Adreian Payne. Gli ultimi tre minuti di primo tempo sono uno show di Minnesota, la tripla allo scadere di Wiggins segna il +23. Los Angeles comunque non si arrende e nel quarto successivo recupera 8 lunghezze, a fine terzo periodo la situazione è di 72-87 per i Twolves. Nell’ultima e decisiva parte Lou Williams fa quello che ha fatto fino ad ora: caricarsi la squadra sulle spalle nei finali e cercare di essere decisivo. La guardia inizia l’ultimo periodo mettendo a referto punti e assist in successione: LA torna sotto di 8 punti. Gli ultimi sei minuti però, sono nuovamente un dominio offensivo di Minnesota, che mette la cifra assurda di 25 punti in 6:30. Career high Bjelica con 24 punti e 5/8 dall’arco, career high NBA Wiggins con 47 punti e 22 tiri liberi conquistati. In NBA Wiggins non aveva mai segnato così tanti punti in un solo match, non ci era mai riuscito nessun canadese. Il prodotto di Kansas decisivo con la sua capacità di segnare in tutti i modi e prendere falli che consentono alla squadra di andare a referto anche quando la palla non gira.
Note a favore di Los Angeles e di Luke Walto: se in una squadra del genere Bjelica segna da tre con continuità e Rubio gioca come sa fare, è davvero dura per tutti, non solo per la difesa dei Lakers.

  •   
  •  
  •  
  •