Classifica NBA: la crisi nera dei Cleveland Cavaliers

Pubblicato il autore: Alberto Pedrazzini Segui

Classifica NBA

La classifica NBA parla chiaro: i Cleveland Cavaliers sono nel mezzo di una crisi nera. Nella notte appena passata ne abbiamo avuto l’ennesima dimostrazione visto che i Cavs sono stati sconfitti sul campo dei Chicago Bulls: 93-99 il punteggio finale. I campioni in carica hanno perso il primato nella Eastern Conference a favore dei Boston Celtics. La corsa per il primo posto ad Est resta aperta ma i biancoverdi, che mercoledì sono stati battuti in casa dai Milwaukee Bucks, restano ampiamente favoriti. Probabilmente sarà decisivo lo scontro diretto del 6 aprile, che si giocherà davanti ai tifosi di Isaiah Thomas e compagni. La classifica NBA dei Cleveland Cavaliers parla di un record di 47 vittorie e 27 sconfitte. Lebron James e compagni sono a quota 3 K.O. consecutivi, che diventano 4 nelle ultime 5 partite. I Cavs non vincono due gare in fila dalla doppietta del 15 e 17 marzo. Proprio questo mese è stato una tragedia per i ragazzi di coach Lue: 6 successi e 10 sconfitte, mentre a febbraio il record era stato 9 W- 2 L. A marzo i Cavaliers hanno avuto un crollo verticale e, con i playoff dietro l’angolo, i tifosi sono parecchio preoccupati. “Siamo in un brutto momento. Non sono deluso per l’atteggiamento della squadra. Dobbiamo risolvere la situazione. Penso che l’unica cosa da fare è restare concentrati per tutti i 48 minuti“: ha dichiarato Lebron James nel post-partita di Cleveland Cavaliers-Chicago Bulls.

Classifica NBA: i prossimi impegni dei Cavs

Cleveland deve ritrovarsi in fretta se non vuole arrivare dietro ai Boston Celtics. Prima dello scontro diretto i Cavs devono affrontare i Philadelphia 76ers, gli Indiana Pacers e gli Orlando Magic, ovvero due match facili e uno complicato. Vincendo tutte e tre le gare i Cavaliers riguadagnerebbero fiducia in vista della partita del 6 aprile al TD Garden, la quale decreterà la classifica NBA della Eastern Conference. La cosa è più facile a dirsi che a farsi, ma se c’è un giocatore in grado di risollevare da solo le sorti di una squadra quello è proprio Lebron James.

  •   
  •  
  •  
  •