Riccardo Cervi e la sua rivincita contro l’Olimpia Milano

Pubblicato il autore: Alberto Pedrazzini Segui

Riccardo Cervi

Riccardo Cervi è stato onesto nelle dichiarazioni rilasciate alla Gazzetta dello Sport nel post-partita di EA7 Emporio Armani Milano-Sidigas Avellino:Vincere qui dopo che nessuno ci riusciva da 41 partite è tanta roba. Sarei ipocrita a dire che si tratta di una partita come le altre, ho solo cercato di fare il massimo per chi davvero mi ha voluto. Sono davvero felice di aver regalato un successo a chi ha creduto in me“. Ieri Avellino ha posto fine alla striscia di 41 vittorie casalinghe consecutive dell’Olimpia Milano vincendo per 80-81 al Forum d’Assago. Il successo è arrivato grazie a una tripla di Maarten Leunen a pochi secondi dal termine mentre l’EA7 non è nemmeno riuscita a tirare per la vittoria dopo il time-out chiamato da coach Repesa. Il grande protagonista della partita è stato Riccardo Cervi. Per chi non lo sapesse, in estate il centro aveva firmato con le scarpette rosse. L’ingaggio era stato ufficializzato sul sito ufficiale della società lombarda e lo stesso Repesa aveva dichiarato che Cervi sarebbe partito come quinto lungo con la possibilità di conquistare minuti sul campo. Dunque i tifosi milanesi erano pronti a vedere l’azzurro in maglia Olimpia e invece…..

Leggi anche:  Svelata la prossima sede delle Final Eight

Il club biancorosso fece marcia indietro e ripiegò su Daniele Magro. A settembre Riccardo Cervi poté finalmente rivelare le motivazioni della scelta dell’Olimpia. Ecco le parole che furono pubblicate su basketnet.it: “Il rifiuto di Milano sta nel fatto che non ho superato le loro visite mediche. Le ho sostenute tranquillo e fiducioso anche perché lo staff medico dell’Olimpia era stato informato di tutta la mia situazione fisica da quello reggiano. Sapevano tutta la storia delle mie ginocchia, che a lungo avevo sofferto di infiammazioni tendinee. Ma negli ultimi due anni sono sempre stato bene e questo all’EA7 era noto. La mia reazione è stata di incredulità totale. Capirei se durante la stagione avessi avuto problemi, ma sono stato benissimo. Per me è stata una mazzata del tutto inaspettata“. Ma la vendetta è un piatto che va servito freddo e Riccardo Cervi ieri ha presentato un conto salato: 16 punti in 24 minuti. I pari ruolo di Milano? 2 punti in 6 minuti per Daniele Magro, 6 punti in 19 minuti per Stanko Barac e 9 punti in 21 minuti per Jamel McLean. Contando anche il taglio di Gani Lawal si può tranquillamente dire che qualcosa è andato storto nel mercato estivo di Milano, che infatti ha dovuto ripiegare ingaggiando Esteban Batista, che arriverà il 6 febbraio.

Leggi anche:  Svelata la prossima sede delle Final Eight

Riccardo Cervi sta disputando una buona stagione con la maglia della Sidigas Avellino. L’ex centro della Grissin Bon Reggio Emilia sta segnando 7.8 punti e catturando 4.9 rimbalzi di media a partita tirando con il 62 % da due punti. Il lungo sta facendo di tutto per cercare di convincere Ettore Messina a portarlo al torneo pre-olimpico che si terrà a Torino. Al momento il classe 1991 parte dietro a Marco Cusin come cambio di Andrea Bargnani, Ma chissà che questa gran partita contro l’Olimpia (i 16 punti segnati sono il suo massimo in carriera) possano rappresentare un nuovo inizio per lui e un biglietto per Torino e (speriamo) Rio.

  •   
  •  
  •  
  •