Olimpia Milano campione d’Italia ’15/’16! Sanders MVP

Pubblicato il autore: Alberto Pedrazzini Segui

Olimpia Milano campione d'Italia

Olimpia Milano campione d’Italia: è questo il verdetto di gara 6 della finale scudetto tra l’EA7 Emporio Armani Milano e la Grissin Bon Reggio Emilia. I meneghini hanno vinto 70-74 portandosi a casa il 27esimo scudetto della propria storia. Rakim Sanders è stato premiato come MVP della finale. Milano ha messo la freccia nell’ultimo quarto dopo aver aver inseguito per tutto il corso della partita vincendo l’ultima frazione per 20 a 29. Miglior realizzatore della partita è stato Rimantas Kaukenas, autore di 18 punti. 16 punti per Alessandro Gentile, che a fine partita ha quasi ufficializzato il suo addio all’Olimpia e parole dello stesso tono sono state pronunciate da papà Nando. Milano ha mandato in doppia cifra quattro uomini, Gentile con 16, Sanders con 13, Simon con 15 e Batista con 10. Quest’ultimo è stato il giocatore con la valutazione più alta di tutti gli atleti scesi in campo con 23, frutto anche dei 9 rimbalzi catturati e di ben 4 assist. Per la Grissin Bon ci sono stati i 13 punti di Della Valle e i 12 di Polonara. Dunque Olimpia Milano campione d’Italia a distanza di due anni dall’ultima volta. Allora la vittoria arrivò contro la Montepaschi Siena, quest’anno contro la Grissin Bon Reggio Emilia, che per la seconda stagione consecutiva vede sfumare il sogno scudetto all’ultimo atto.

Olimpia Milano campione d’Italia: le dichiarazioni dei protagonisti

Alessandro Gentile:”Dedico questa vittoria a mia mamma e a mio papà. Loro mi sono sempre stati vicini. Questo scudetto è per loro. Questa stagione è stata difficilissima, ho cercato di dare tutto. Quando ho deciso di restare a Milano volevo questo, sono contento. Potrebbe essere la mia ultima partita a Milano, ho vinto due scudetti e una coppa Italia. A 23 anni è vero che si può fare di più ma anche così non è male“. Max Menetti: “Questa sconfitta è diversa da quella dell’anno scorso. Nella passata stagione venivano da una gara 6 in cui avevamo avuto per tre volte il tiro dello scudetto ma ci è andata male. Per il secondo anno siamo arrivati in finale, abbiamo dimostrato che Reggio c’è. Il mio futuro? Ho ancora un anno di contratto, se non mi cacciano io resto qui“.

  •   
  •  
  •  
  •