Mercato Olimpia Milano: è Hickman l’uomo giusto?

Pubblicato il autore: Alberto Pedrazzini Segui

mercato olimpia milano

Al mercato Olimpia Milano manca un solo tassello ed è quello di un play-guardia statunitense. Del roster della passata stagione, che si è conclusa con la doppietta Coppa Italia-Scudetto, sono state diverse le conferme: il capitano Alessandro Gentile, Kruno Simon, Rakim Sanders, Milan Macvan, Jamel McLean, e la coppia di play Mantas Kalnietis-Andrea Cinciarini. Nonostante la presenza in rosa di due registi, coach Repesa vuole che il mercato Olimpia Milano gli porti un playmaker che sappia giocare anche da guardia. Per intenderci un giocatore alla Oliver Lafayette, che sappia prendersi i tiri decisivi e metterli a segno, ma meno confusionario del nuovo play dell’Unicaja Malaga.

Mercato Olimpia Milano: Ricky Hickman è la scelta giusta?

Il nome in cima alla lista è quello di Ricky Hickman. Ieri è circolata la notizia che le due parti sono molto vicine dopo la fine dell’esperienza al Fenerbahce dello statunitense con passaporto georgiano. Ma l’ex Pesaro è l’uomo che manca al roster biancorosso? Il suo valore non si discute e lo sa bene proprio l’Emporio Armani Milano, che nei playoff d’Eurolega del 2014 fu letteralmente fatta a pezzi da Hickman. il classe 1985 può giocare sia da play che da guardia, ha punti nelle mani ed è una sicurezza con la palla in mano. Sotto quest’ultimo aspetto del gioco è un netto upgrade rispetto a Lafayette. Il campione d’Europa 2014 sarebbe il giocatore perfetto per Repesa ma su di lui c’è un grande punto interrogativo: le condizioni fisiche. I due anni al Fenerbahce sono stati segnati dalla rottura del tendine d’achille del marzo 2015. Hickman è tornato in campo a fine anno ma coach Obradovic lo ha usato con il contagocce: solo 12.7 minuti di media sul parquet. Milano deve valutare bene le condizioni fisiche del ragazzo, il quale ha una grande voglia di rivincita. L’Olimpia fa bene a puntare sull’ex Pesaro perché se la scommessa dovesse andare bene l’EA7 potrebbe fare il salto di qualità in Europa.

  •   
  •  
  •  
  •