Scandone Avellino: un grande ritorno per un mercato da favola

Pubblicato il autore: Alberto Pedrazzini Segui

scandone avellino

Potrebbe essere la Scandone Avellino la seconda forza del campionato italiano dietro all’EA7 Emporio Armani Milano. Il mercato della formazione irpina è stato di ottimo livello e potrebbe essere considerato da favola nel caso fosse vera la trattativa riportata questa mattina dalla Gazzetta dello Sport. A quanto pare la Scandone Avellino starebbe lavorando per riportare in Irpina un top player come Devin Smith. La voce, se confermata, è clamorosa visto che negli ultimi anni il giocatore statunitense si è affermato come uno dei migliori 3 di tutta Europa. Smith giocò ad Avellino nel 2007-2008 alla corte di Matteo Boniciolli. Quella squadra (di cui faceva parte anche Marques Green) fece un campionato meraviglioso che terminò con la qualificazione all’Eurolega 2008/2009, una conquista storica per una piazza come quella avellinese. Smith nella stagione successiva passò al Fenerbahce (assieme a Green) e, dopo le esperienze al Panellinios e alla Benetton Treviso, nel 2011 firmò con il Maccabi Tel Aviv. Il classe 1983 è diventato una bandiera della corazzata europea e vi ha giocato fino alla passata stagione. Smith è sotto contratto con il Maccabi fino al 2018 (ha firmato il prolungamento ad aprile) ma la dirigenza starebbe pensando di cederlo.

Scandone Avellino: un mercato super

Di certo sarebbe un colpo da 90 per Pino Sacripanti ma anche senza l’arrivo di Devin il mercato della Scandone Avellino è da considerarsi ottimo. Ieri la società irpina ha ufficializzato il colpo dell’ingaggio di Kyrylo Fesenko. Il centro ucraino ha chiuso la passata stagione a Cantù e nella sua esperienza in Brianza ha chiuso con 12.8 punti e 8.7 rimbalzi di media a partita con il 67% dal campo. L’ingaggio di Fesenko, in attesa dell’eventuale arrivo di Devin Smith, è la ciliegina sulla torta del mercato dalla Scandone Avellino. A fine campionato il DS Alberani era riuscito a mettere a segno il colpo del rinnovo di Joe Ragland, uno dei protagonisti assoluti della meravigliosa passata stagione della Sidigas, e poco dopo era arrivata la conferma di Marques Green. I nuovi acquisti erano iniziati con gli ingaggi di Andrea Zerini e di Marco Cusin, quest’ultimo strappato alla concorrenza di squadre come Pesaro e Torino. Le scommesse del Nicola Alberani sono Levi Randolph e Retin Obasohan. L’anno scorso il DS pescò James Nunnally, MVP dell’ultimo campionato e fresco di firma biennale con il Fenerbahce, avrà avuto occhio anche quest’anno? A completare la panchina ci saranno Salvatore Parlato e Giovanni Severini. Nella prossima stagione la Sidigas non potrà contare su alcuni dei grandi protagonisti dell’anno passato. Come detto in precedenza Nunnally è approdato in Turchia alla corte di coach Obradovic; Riccardo Cervi ha preferito tornare alla Grissin Bon Reggio Emilia con un triennale mentre Ivan Buva ha firmato in Spagna con Bilbao. Ma i nuovi arrivati sono di livello assoluto (con il reparto lunghi che è di valore europeo) e in più è arrivata la conferma di giocatori fondamentali come Ragland, Green e Leuneen. Senza dimenticare che in panchina c’è uno dei migliori allenatori italiani in circolazione, quel Pino Sacripanti che troppe volte viene sottovalutato e che meriterebbe la panchina della nazionale italiana se Ettore Messina non ne sarà più il C.T.

  •   
  •  
  •  
  •