Gianluca Basile a un passo dal ritiro: una carriera meravigliosa

Pubblicato il autore: Alberto Pedrazzini Segui

gianluca basile

La Gazzetta del Sud riporta la notizia che Gianluca Basile è rientrato dalle vacanze in Sardegna ed è a un passo dall’annunciare il ritiro. L’Orlandina lo rivorrebbe in campo anche nella prossima stagione ma il Baso è pronto ad appendere le scarpe al chiodo all’età di 41 anni e allora la società siciliana gli offrirebbe un ruolo dirigenziale. Dunque la carriera di Basile sembra essere giunta al termine e allora riviviamola in questo articolo. Gianluca cresce nelle giovanili della Pallacanestro Reggiana, con cui esordisce in prima squadra a 20 anni. Assieme alla formazione emiliana conquista la promozione in serie A nel ’96/’97. Nel gennaio del 1999 passa alla Fortitudo Bologna, con la quale a fine stagione vince il suo primo scudetto. Il secondo tricolore lo porta a casa nel ’04/’05 in una finale passata alla storia perché fu decisa all’Istant Replay con gli arbitri che giudicarono buono il canestro da quasi metà campo di Ruben Douglas. Nell’estate del 2005 Gianluca Basile passa al Barcellona cercando di concretizzare il suo sogno: la vittoria dell’Eurolega. Ci riesce nel 2010, alla sua penultima stagione in Spagna. Nel 2011 è la Pallacanestro Cantù che lo riporta in Italia. Il Baso fa ricredere tutti coloro che lo consideravano finito e con Andrea Trinchieri in panchina gioca una grande annata. La seconda stagione in Brianza non è all’altezza della prima e alla fine le due parti si lasciano con più di qualche ruggine. Gianluca viene messo sotto contratto dall’EA7 Emporio Armani Milano ma all’interno di una stagione disastrosa coach Sergio Scariolo non lo schiera quasi mai. Nell’estate del 2013 a 38 anni l’ex Fortitudo scende in A2 per giocare sotto la guida di Gianmarco Pozzecco (suo ex compagno di squadra) con la maglia dell’Orlandina. In Sicilia conquista la sua seconda promozione e svolge al meglio il compito di mentore. Gianluca Basile chiude quella che dovrebbe esser stata la sua ultima stagione della carriera  con le seguenti: 3.7 punti in 19.6 minuti di media a partita-

Leggi anche:  Marco Belinelli alla Virtus Bologna: clamoroso ritorno in patria. Ecco i dettagli dell'affare

La carriera in nazionale di Gianluca Basile

Con la maglia azzurra il Baso ci ha fatto vivere dei momenti indimenticabili come la vittoria in amichevole contro Team USA del 2004 nella quale segnò 24 punti. Il suo esordio risale al 1996, nel 1997 disputa i Giochi del Mediterraneo mentre nel 1998 viene convocato per i mondiali. Ma è nel 1999 che Basile e l’Italia ci fanno vivere la prima grande emozione azzurra vincendo gli Europei in Francia. La sua prima Olimpiade è quella di Sidney nel 2000 mentre ad Eurobasket 2003 arriva la conquista della medaglia di bronzo (con vittoria nella finale terzo/quarto posto contro la Francia di Tony Parker). Ma l’esperienza principale di quella generazione di talenti italiani è sicuramente l’Olimpiade 2004. Ad Atene Gianluca Basile e compagni furono protagonisti di un’incredibile cavalcata, che fu fermata in finale dall’Argentina di Manu Ginobili e Luis Scola. Negli occhi dei tifosi italiani ci sono ancora le gesta dell’incredibile semifinale contro la Lituania, nella quale il Baso fu il migliore in campo con 31 punti realizzati e 7/11 da tre punti. Con quella partita tutto il mondo sportivo venne a conoscenza del suo leggendario tiro ignorante.
Foto: fip.it

  •   
  •  
  •  
  •