Alessandro Gentile Olimpia Milano: le parole del fratello Stefano e di Cinciarini

Pubblicato il autore: Alberto Pedrazzini Segui

alessandro gentile olimpia milano

Il caso Alessandro Gentile Olimpia Milano ha diviso tifosi e addetti ai lavori del basket tricolore. Da una parte i sostenitori del giocatore pensano che la società avrebbe dovuto costruire la squadra attorno al talento del figlio del grande Nando; dall’altra i sostenitori dello staff tecnico e dirigenziale, stufi delle dichiarazioni dell’ex capitano e dei suoi atteggiamenti in campo. Nella vicenda Alessandro Gentile Olimpia Milano hanno sbagliato entrambe le parti, non c’è nessun vincitore. Un’altra cosa altrettanto certa è questa: Alessandro Gentile non è la ragione dei problemi dell’EA7 Emporio Armani. La dimostrazione, se mai ce ne fosse stato bisogno, è arrivata ieri sera con la sculacciata presa dagli uomini di Repesa contro il CSKA Mosca davanti ai propri tifosi. I campioni d’Italia in carica hanno giocato un buon primo tempo, andando negli spogliatoi sul +2 (38-36). Il problema è che Milano non è tornata in campo, venendo stritolata da un CSKA Mosca che pur era privo di Milos Teodosic e di Nando De Colo (autori di 39.7 punti e 12.3 assist di media in coppia). La squadra di Itoudis ha letteralmente fatto a pezzi gli avversari concedendo 16 punti nel terzo quarto e appena 10 nell’ultima frazione, segnandone a sua volta 30 e 13. Alla fine il risultato parla chiaro: 64 a 79. Statistiche impietose che mostrano ancora una volta come il caso Alessandro Gentile Olimpia Milano non sia legato al pessimo rendimento della squadra di Repesa, giunta alla sua quarta sconfitta consecutiva in Eurolega… e pensare che a inizio stagione si parlava di una EA7 candidata alla conquista delle Final Four. A proposito del figlio di Nando coach Jasmin Repesa ha dichiarato quanto segue nella conferenza stampa post-CSKA Mosca: “Non so dire se la questione Gentile possa aver influito in negativo su questa prestazione. Quando una squadra è in difficoltà ci vuole una cosa: gioco di squadra”.

Alessandro Gentile Olimpia Milano: le dichiarazioni di Stefano e di Cinciarini

Scrivevo in precedenza che nel caso Alessandro Gentile Olimpia Milano hanno perso entrambe le parti. Dello stesso parere è Andrea Cinciarini, le cui parole sono state riportate dalla Gazzetta dello Sport: “Innanzitutto mi spiace per lui perché ha vissuto una situazione molto difficile. Purtroppo è una situazione cominciata male e finita nel modo peggiore per lui e per la società. Ho provato a parlargli e stargli vicino, lui in questo momento la vive come una sconfitta, così come la società. Quello che gli auguro è di trovare in fretta una soluzione che gli permetta di tornare in fretta l’Alessandro che ha permesso di vincere quello che ha vinto a Milano negli ultimi anni“. Sulla destinazione dell’azzurro non si sa ancora nulla, di certo non sarà la Grissin Bon Reggio Emilia, come confermato dal fratello Stefano a “Il Resto del Carlino”: “Avere Alessandro come compagno di squadra sarebbe stato bellissimo, specie dal punto di vista affettivo, Avremmo puntato allo scudetto assieme, vorrà dire che ci proverò da solo. Lasciando Milano, Reggio era destinazione a lui gradita ma si capiva già che c’erano pochi margini di manovra, d’altronde il ragionamento dell’Olimpia è comprensibile“.

  •   
  •  
  •  
  •