Grissin Bon, Stefano Gentile fuori per due mesi e mezzo

Pubblicato il autore: Andrea Malavolti Segui

Nessuna frattura, ma legamenti rotti. Questa è la diagnosi per il giocatore della Pallacanestro Reggiana Stefano Gentile (foto). Che non sarebbe stato un infortunio leggero lo si era già capito nell’immediatezza del momento, domenica sera, con il cestista appena franato sul parquet di Masnago (VA) ad esclamare: “Mi sono rotto tutto!”. Ma per fortuna, nonostante l’infortunio sia grave, è andata meglio delle più fosche previsioni. L’esterno biancorosso, infortunatosi alla caviglia sinistra nel ricadere dopo un tiro sul piede di un avversario, si è procurato infatti una “grave distorsione alla caviglia sinistra, con rottura dei legamenti della capsula esterna del malleolo”. E’ quanto ha stabilito la risonanza magnetica a cui il cestista della Grissin Bon è stato sottoposto presso la clinica Villa Salus di Reggio Emilia. Tuttavia, è questo è un fatto assolutamente non secondario, la radiografia ha escluso frattur ossee. A Gentile sono stati nel frattempo somministrati dei “fattori di crescita” nell’arto lesionato, e lo stesso atleta ha già iniziato il percorso di riposo e terapie. Per lui si profila uno stop di circa due mesi e mezzo. Questo significa che potrà ricominciare ad allenarsi e a giocare più o meno a inizio marzo dando così forfait, purtroppo, anche alla Final Eight di Coppa Italia. Una brutta tegola, insomma, quella caduta sul capo del numero 18 biancorosso, la cui prima reazione pubblica è affidata ai social network dove Stefano ha scritto un pensiero oltremodo significativo: “Non dubitare mai di Dio. Se conosciamo il suo cuore non metteremo in discussione la sua volontà”. Aggiungendo poi su twitter: “Grazie a tutti dei pensieri, nonostante non sia cosa da poco poteva andare peggio. Il Signore agisce per vie misteriose”.
Un forte messaggio di carattere mistico, specie se si considera che, nelle ultime due stagioni, la sorte è sempre stata particolarmente avversa nei confronti di Gentile: in un primo momento l’inizio dell’annata 2015/2016 contraddistinto dai postumi di un intervento al ginocchio effettuato in estate, poi le tante partite saltate per problemi fisici di varia natura, fino alla mancata partecipazione alla finale scudetto con l’Olimpia Milano a causa dell’infortunio al polpaccio patito in gara 6 di semifinale contro Avellino.
Tra i primi a testimoniare vicinanza al giocatore di Maddaloni (CE) il fratello Alessandro, che ha postato su Facebook una foto intitolata “tieni duro” del suo bicipite tatuato: “Il custode di mio fratello”.  Anche i tifosi biancorossi si sono attivati per esprimere solidarietà e affetto a Gentile, creando sempre su Facebook il gruppo “Forza Ste”, che in poche ore ha raccolto 300 adesioni e decine di messaggi rivolti al giocatore, provenienti sia dall’Italia che dall’estero. Naturalmente la prevista lunga assenza del cestista ha ripercussioni anche sulla squadra nel suo complesso. Per farvi fronte la Pallacanestro Reggiana tornerà sul mercato. Il taccuino del direttore sportivo 11122016-_GB03425-630x415si è già riempito di nomi di giocatori da valutare. L’intenzione del management di Via Martiri della Bettola è quella di provare a ingaggiare un cestista di livello e quasi certamente la scelta cadrà su un atleta straniero. Difficile al momento abbozzare qualche pista, anche perché molto dipenderà da quanto potrà essere destinato dalla proprietà per questo extra budget.

  •   
  •  
  •  
  •