Olimpia Milano-Enel Brindisi, che sfida tra Simon e Carter. Le parole di Repesa

Pubblicato il autore: Giovanni Cardarello Segui
Olimpia Milano-Enel Brindisi

Olimpia Milano-Enel Brindisi (fonte Twitter)

Come riporta il sito ufficiale della società milanese “L’Olimpia corregge subito la sconfitta di Venezia, prendendosi la vittoria numero 11 della stagione italiana contro Brindisi, in una partita a punteggio alto, giocata a sprazzi ma risolta con veemenza nel quarto periodo. Coach Jasmin Repesa ha usato tutti i suoi 12 giocatori, ha difeso forte Bruno Cerella, ha giocato bene Simone Fontecchio, si è mosso con fiducia Davide Pascolo e infine cinque uomini sono andati in doppia cifra per il 99-86 finale”. L’Enel Brindisi dal canto suo ha disputano un match di grande sostanza, mettendo seriamente in difficoltà i Campioni d’Italia. L’Enel, infatti, lotta alla pari per quasi tutta la partita, andando anche avanti in più occasioni e rientrando in campo nell’ultimo quarto sotto di una sola lunghezza (71-70). Sono proprio gli ultimi dieci minuti a fare la differenza, quando Milano con un break di 28-16 di fatto si aggiudica l’incontro. Decisiva la forza fisica di Sanders (13 punti e 5 rimbalzi) e Raduljica (15 punti e 4 rimbalzi). Nella Enel Brindisi grande prestazione di Robert Carter Jr (19 punti di cui 14 nei primi due quarti). In casa Olimpia Milano top scorer Krunoslav Simon, che mette a referto 19 punti.

Olimpia Milano-Enel Brindisi 99-86, la cronaca

Vediamo nel dettaglio con l’ausilio del match report dell’Ufficio Stampa di Milano la cronaca del match.

PRIMO TEMPO – Brindisi segna nei primi tre possessi e guadagna tre punti di vantaggio ma l’Olimpia a sua volta va a canestro con facilità. Raduljica e Dragic segnano in cinque tentativi consecutivi. Milano schizza a più cinque ma non riesce a decollare perché al primo giro di cambi l’attacco s’inceppa in termini di esecuzione  e la difesa continua a soffrire. Alla fine del primo quarto, canestro di Marco Spanghero, il vantaggio è di un solo punto, 22-21. All’inizio del secondo periodo, con la tripla di Simon e un tap-in di McLean, l’Olimpia prende sette punti di vantaggio che includono una bomba di Fontecchio. Ma sul 30-23 Milano concede un 6-0 a Brindisi e Repesa ha visto abbastanza. Ma dal time-out non escono grandi miglioramenti soprattutto difensivi. Carter è indemoniato e quando trova la collaborazione di Durand Scott, Brindisi va avanti resistendo anche alla folata di Fontecchio (sette punti nel periodo), fermato soprattutto dal terzo fallo. Raduljica a rimbalzo e Simon con un piede sulla linea dei tre punti scrivono il 5-0 che riporta avanti l’Olimpia e costringe Coach Sacchetti al time-out. L’Olimpia torna sopra di sette con un taglio di Simon. Poi Spanghero segna da tre e l’Olimpia conserva solo tre punti di margine, 51-48, all’intervallo.

IL SECONDO TEMPO – Mantas Kalnietis con cinque punti consecutivi scava otto punti di margine per l’Olimpia ma Brindisi non molla. Phil Goss segna due volte consecutive da tre e in un attimo è di nuovo parità. La terza tripla di Carter consegna all’Enel addirittura il vantaggio. Pascolo con un canestro e un suggerimento per Simon riporta l’Olimpia avanti. Simon e Sanders segnano da tre in due possessi consecutivi e a 1’12″ dalla fine del terzo, l’Olimpia riprende sei punti di vantaggio sul 71-65 forzando il time-out di Sacchetti. Al rientro, quandi Nic Moore segna da tre Brindisi è a meno uno e sul 71-70 finisce il terzo quarto. L’Olimpia aggredisce il quarto periodo estendendo la difesa. Hickman ruba palla e segna, Sanders prima converte un rimbalzo d’attacco poi segna in entrata e apre cinque punti di distacco, poi sette con due tiri liberi di Hickman. Il ritorno di Raduljica genera quattro punti consecutivi così a 4’06″ dalla fine – time-out di Sacchetti – il vantaggio dell’Olimpia torna su livelli confortanti, 11 punti. Sono Carter da sotto e M’Baye con un tap-in a riportare l’Enel a meno sette ma con Goss fuori per falli. Il gran finale di Hickman – canestro poi stoppata su Scott – chiude la partita. Il finale è 99-86.

Olimpia Milano-Enel Brindisi, le parole di Jasmin Repesa

Così Coach Jasmin Repesa al sito ufficiale dell’Olimpia Milano dopo la vittoria su Brindisi: “L’unica paura che avevo era il nervosismo che si è manifestato di recente. Si è visto fino all’ultimo periodo quando tutti hanno piegato le gambe e siamo andati via. Nei primi tre periodi abbiamo avuto problemi difensivi, siamo stati soft ad esempio nei cambi difensivi. In questo dobbiamo migliorare perché in EuroLeague siamo ultimi in difesa e non c’è altra strada indipendentemente che si difenda a zona o uomo”

Olimpia Milano-Enel Brindisi 99-86, il tabellino

EA7 EMPORIO ARMANI OLIMPIA MILANO: Fontecchio 9, Pascolo 6, Cinciarini 3, Abass Abass 3, Simon 19, Dragic 6, Hickman 10, Raduljica 15, Sanders 13, Kalnietis 5, Mclean 10
ENEL BASKET BRINDISI: Spanghero 6, Scott 17, Cardillo 4, Carter  19, Agbelese 4, M’baye 14, Goss 12, Moore 10
TIRI DA 2 PUNTI – EA7: 24/41; ENEL: 18/39.
TIRI DA 3 PUNTI – EA7: 8/16; ENEL: 11/26.
TIRI LIBERI – EA7: 27/35; ENEL: 17/22.
RIMBALZI – EA7: 40 (12 off); ENEL: 23 (7 off).
ASSIST – EA7: 22; ENEL: 12.
PALLE PERSE – EA7: 18; ENEL: 15.

Arbitri: Seghetti Dino, Sardella Gianluca, Quarta Denis.

  •   
  •  
  •  
  •