Risultato Reyer Venezia-Olimpia Milano, prosegue l’effetto Gentile. Le parole di Repesa

Pubblicato il autore: Giovanni Cardarello Segui
Reyer-Venezia-Olimpia-Milano

Sorpresa a Venezia (fonte Twitter)

Sfruttando un avvio superlativo, sia in attacco che in difesa, e una buona gestione della partita, l’Umana Reyer infligge la prima sconfitta stagionale in campionato all’EA7 Milano, che esce sconfitta da un Taliercio tutto esaurito (3509 presenti), nell’anticipo dell’ora di pranzo. Reyer Venezia-Olimpia Milano finisce 88-84 per la squadra di coach De Raffaele, alla decima vittoria consecutiva tra campionato e Champions League. Il dinamismo e la reattività portano i veneziani avanti 18-3 dopo 3′, con la panchina milanese costretta a chiamare già due time-out. Con una buona ripartizione delle responsabilità ed equilibrio nel gioco esterno ed interno, Venezia arriva fino al 39-22 dell’11’, prima che Milano, tenuta in piedi soprattutto da Sanders, trovi nella zona la chiave per arginare l’attacco dell’Umana Reyer. Gli ospiti, però, non riescono mai a scendere sotto gli otto punti di ritardo, compreso il 49-41 all’intervallo lungo.

In avvio di ripresa, la squadra di De Raffaele riprende l’inerzia, volando fino al 70-49 di metà periodo. Ancora con la zona, Repesa rientra in partita con un parziale di 0-9 (72-61 all’ultimo intervallo). E, nonostante l’uscita per falli di Sanders, Milano ha anche la tripla del pareggio al 38′, sull’80-77, anche se Simon non riesce a trovare il canestro. Nonostante la fatica, Venezia riesce poi a gestire meglio gli ultimi possessi, con la tripla di Filloy a 26″ dalla fine che vale il decisivo 86-80, solo limato di due punti da Milano negli ultimi possessi.

Reyer-Venezia-Olimpia-Milano 88-84 – IL TABELLINO

Umana Reyer Venezia: Haynes 16, Hagins 15, Ejim 7, Peric 11, Bramos 5, Tonut 7, Filloy 6, Ress 1, McGee 20
EA7 Emporio Armani Milano: McLean 11, Kalnietis 14, Raduljica 9, Dragic 14, Sanders 15, Abass 10, Simon 11

Reyer-Venezia-Olimpia-Milano 88-84 – Le parole di Repesa

Cosi Coach Repesa al sito ufficiale dell’Olimpia Milano dopo la partita di Venezia: “Siamo chiaramente in crisi prima di tutto mentale. Devo spendere tanti time-out ma ne servirebbero dieci ogni partita. in questo momento abbiamo bisogno di calma, lavoro e fiducia nei compagni di squadra. Non siamo una squadra fisica ma possiamo migliorare. Ne abbiamo parlato. poi primo possesso, blocco cieco e tripla subita. Abbiamo oggi poca forza mentale. La zona l’abbiamo provata ma a questi livelli non dovrebbe essere questa la strada. Può servire una volta ma non in assoluto perché toglie abitudine ad essere fisici e aggressivi”.

  •   
  •  
  •  
  •