Risultati Serie A Basket: Pistoia risorge nel secondo tempo, Avellino abbattuta

Pubblicato il autore: Filippo Baldi Segui

Risultati serie A Basket.  La The Flexx Pistoia raccoglie due punti difficili in casa contro una Avellino che veniva da un ottimo momento di forma agganciando così il treno playoff.
Pistoia parte male caricandosi di falli già dai primi minuti e lasciando prendere il largo agli ospiti già dalle prime battute, gli uomini di Sacripanti sono puliti in attacco e tengono Pistoia a soli quattordici punti segnati. Fin qui due falli per Roberts e Petteway, costretti prematuramente alla panchina.
Il secondo parziale si apre con le due squadre che faticano a trovare ritmo in attacco, Pistoia non riesce a scrollarsi di dosso l’imbarazzo di una partenza dalle polveri bagnate, Avellino sembra poter scappare più volte ma rimane a contatto grazie ai continui colpi di coda pistoiesi.
Dopo aver toccato la doppia cifra di vantaggio i campani tornano a metà quarto a sole quattro lunghezze di distanza dagli avversari. 19-23. Da lì in poi, complici anche decisioni arbitrali forse drastiche, Pistoia incassa un parziale di 10-0 che spacca in due la partita (33-19), massimo vantaggio pistoiese . Agli uomini di Esposito sembra non riuscire più niente in attacco, ma sul finire di quarto uno scatto d’orgoglio di Moore e compagni ricuce parzialmente lo strappo fissando il parziale dopo venti minuti sul 35-27, un risultato anche troppo clemente per i padroni di casa rispetto a quanto visto in campo.

Al rientro in campo la probabile arrabbiatura di Esposito riversata negli spogliatoi durante l’intervallo si percepisce nella diversa intensità espressa da Petteway e compagni, che al rientro in campo stringono al massimo le maglie in difesa e allo stesso tempo allevia i problemi di falli che l’hanno penalizzata fino a questo momento. Il risultato è un dominio pistoiese totale all’interno del terzo parziale, guidato in attacco da un Petteway finora assente e in difesa da un lombardi ai limiti della perfezione. Gli uomini di sacripanti mettono a segno solo 6 punti nel terzo quarto, a fronte dei 16 totalizzati dalla The Flexx, dopo trenta minuti il tabellone dice 43-41.
Gli ultimi dieci minuti di gioco assumono il sapore di una vera e propria resa dei conti: Pistoia sull’onda dell’entusiasmo sembra poter avere l’inerzia dalla sua. Gli uomini di Esposito nei primi minuti mantengono il piccolo vantaggio acquisito nel quarto precedente rischiando sempre di tornare sotto, ma Antonutti costringe Di nuovo Sacripanti al time out sul massimo vantaggio casalingo (55-50). La pausa però non serve in termini di punteggio, Marques Green e Ragland tentano con la classe di riportare sotto i loro compagni, ma Pistoia è difensivamente in trans agonistica , dopo aver subito solo sei punti nel terzo quarto ne lascia ancora appena 18 agli avversari mettendone a segno ventiquattro. I padroni di casa controllano il punteggio negli ultimi 3/4 minuti e con la tripla allo scadere di Petteway scolpisce il risultato finale sul 67-59.

Al termine di Pistoia-Avellino, i protagonisti hanno parlato in sala stampa.
Questo il pensiero del coach irpino Sacripanti: “Abbiamo perso la partita in due punti: nel secondo quarto sul più quattordici abbiamo voluto alzare il ritmo e correre il campo facendo il gioco di pistoia per quello che abbiamo costruito sarebbe stato giusto a fare negli spogliatoi sul +13/+14, invece abbiamo mantenuto solo otto lunghezze di vantaggio. Nel terzo quarto loro sono stati molto fisici, noi non siamo riusciti a segnare e ci siamo caricati di falli. Dovevamo essere più bravi a controllare il ritmo e a ottenere qualche fallo in più nel terzo quarto. Non capisco inoltre il tecnico fischiato a Ragland.”
Vincenzo Esposito, ovviamente esulta per la vittoria dei suoi:  “C’è stato un passo in avanti davanti a determinate difficoltà che aspettavo da tempo, eravamo sotto nei rimbalzi, avevamo tirato dodici liberi meno di loro ma abbiamo continuato a giocare in tranquilli. Siamo ripartiti nel secondo tempo dalla difesa, migliorandola addirittura dal primo tempo e allo stesso tempo abbiamo trovato conclusioni pulite in attacco. Speravo di riuscire a fare questo passo in avanti già dalla scorsa settimana ma va bene così. È stata la nostra miglior partita sul piano difensivo,siamo riusciti a rispondere al rimbalzo dopo i primi due quarti difficili. Antonutti ha dato una grossa mano, sta rientrando piano piano perché essendo un giocatore d’esperienza ha bisogno di tempo.”

  •   
  •  
  •  
  •