Roberto Cammarelle, penultima esibizione a Roma

Pubblicato il autore: francesco agostini Segui

Roberto Cammarelle
Triste notizia nel mondo della boxe italiana: Roberto Cammarelle si è appena esibito per la penultima volta a Roma. L’ultima apparizione, invece, che chiuderà una luminosa carriera, sarà a Milano, dove ha mosso i primi passi come pugile. In che occasione si è esibito Roberto Cammarelle? Ricorrono i cento anni dalla nascita della federazione pugilistica e l’Italia ha deciso di ricordare l’importante data con alcuni incontri-esibizione. Gli azzurri hanno schierato sei pugili per questo test che ha il sapore delle Olimpiadi. I nostri, targati Fiamme Oro, se la sono vista con una delle formazioni più forti tra i dilettanti: la Russia. Gli incontri sono stati Picardi-Salohutdinov, Maietta-Sheikov,  Valentino-Gireev, Uzlyan-Mangiacapre, Ayvasyan-Arecchia, Cavallaro- Paleev, Manfredonia-Iashihmin, Fiori-Egorov e Cammarelle-Stogov. Nonostante il periodo di inattività, Roberto Cammarelle ha mantenuto un ottimale stato di forma. Ecco le sue parole: “Ho sempre fatto qualcosa e mi sono tenuto in esercizio. Certo non sono in forma olimpica, però ci tengo a fare la mia parte ed onorare fino all’ultimo la maglia azzurra che credo, e spero lo pensino anche gli altri, ho indossato con onore dando in ogni occasione il meglio di me. Così anche in questa occasione, mi sono preparato al meglio perché ci tengo a lasciare un bel ricordo e poi voglio lanciare un messaggio ai miei compagni. Se io dopo due anni e mezzo riprovo a combattere, anche loro possono arrivare al top, a patto che ci sia l’impegno e la voglia di fare.” (La Gazzetta dello Sport)

Roberto Cammarelle, un grande campione

I tifosi di pugilato ci avevano sperato fino all’ultimo. Purtroppo, niente da fare: Roberto Cammarelle non parteciperà all’Olimpiade. Il suo palmarès, alla luce del suo imminente ritiro, assume ancora di più una luce nostalgica: un bronzo ad Atene, un oro a Pechino e un argento a Londra. In terra britannica Roberto Cammarelle ha subìto la sconfitta più brutta della sua onorata carriera: “Quella di Londra con Joshua è stata una ferita profonda perché ingiusta, come ha visto tutto il mondo. Accettata col dolore nel cuore.” (La Gazzetta dello Sport). Nella carriera di Roberto Cammarelle, comunque, non ci sono solo ori olimpici, anzi: due ori e due bronzi ai mondiali (Milano, Chicago, Mianyang, Almaty), tre argenti agli europei (Perm, Pola, Ankara), quattro ori ai Campionati Europei e tre ori ai Giochi del Mediterraneo.Nel decidere tra le vittorie più importanti, Roberto Cammarelle non ha alcun dubbio: “Quelle che mi hanno fatto vincere i Giochi e i Mondiali, e pure il ko al cubano Alfonso nel 2009, considerato il favorito per Londra.” (La Gazzetta dello Sport). Il tempo, però, per il pugile di Milano sta stringendo sempre più e la boxe deve fare posto a un altro tipo di carriera, ugualmente bella ma molto diversa da quella attuale. Roberto Cammarelle, infatti, dal primo maggio sarà responsabile tecnico delle Fiamme Oro. Proprio per questo motivo, l’esibizione a Milano in aprile, sarà l’ultima della sua meravigliosa carriera. Senza di lui l’Italia perde un professionista serio, probabilmente il dilettante più forte della nostra intera storia pugilistica. Chi sarà il suo successore?

  •   
  •  
  •  
  •