Boxe – Il palermitano Benny Cannata campione italiano dei mediomassimi

Pubblicato il autore: Pietro D'Alessandro Segui

benny-cannata-boxe-535x300
Serata di gala per la boxe ieri sera a Palermo e trionfo per il palermitano Benny Cannata, laureatosi campione italiano dei mediomassimi. A contendergli il titolo tricolore c’era il fiorentino David Rettori, pugile di 39 anni, all’ultima possibilità di conquistare un titolo importante e, anche per questo, fortemente motivato. Rettori si presentava con un curriculum di tutto rispetto, in cui figurano otto vittorie, di cui tre prima del limite, cinque sconfitte ed un pareggio nei quattordici incontri disputati nella sua carriera di professionista. Ma contro Cannata il pugile fiorentino non ha avuto scampo. Incoraggiato dal pubblico di casa, corso numeroso e vociante a villa Filippina, Cannata è sembrato sicuro di sé fin dalle battute iniziali del match. Immediatamente all’attacco, senza alcuna fase di studio, Cannata ha tempestato di colpi Rettori, costringendolo alla difensiva e impedendogli una seppur minima azione di contrattacco. Chiuso all’angolo, Rettori ha cercato inutilmente di limitare l’azione di uno scatenato Cannata, ma già durante la prima ripresa è stato “contato” dall’arbitro dopo un colpo che lo aveva profondamente scosso. Rettori concludeva la prima ripresa tra mille difficoltà. L’epilogo dell’incontro si è avuto nella seconda ripresa. Rettori ha iniziato tentando una reazione allo strapotere di Cannata, ma è stato immediatamente bersaglio di una serie di colpi che l’anno ulteriormente provato. Incapace di reagire alla furia dell’avversario, Rettori ha incassato una fitta serie di colpi, che lo hanno fatto barcollare. Un gancio è stato il colpo del KO: Il pugile fiorentino è finito a terra e l’arbitro, dopo il conteggio, ha dichiarato concluso l’incontro. A distanza di sei anni, un altro pugile siciliano conquista il titolo italiano dei mediomassimi. Il precedente era stato il catanese Danilo D’Agata, che era diventato campione italiano nel 2010.

Benny Cannata – Una vita per una passione: la boxe

Benny Cannata arriva al titolo dopo otto incontri tutti vittoriosi sostenuti da professionista.
E’ nato a Palermo, il 14 dicembre 1980 ed ha debuttato da professionista il 23 giugno 2013, sconfiggendo l’ungherese Attila Szatmari. Si è qualificato sfidante ufficiale al titolo italiano nella categoria mediomassimi in virtù delle sette vittorie consecutive conseguite senza sconfitte. Si è sempre allenato sotto la guida del maestro Salvatore Cannata nella palestra, ora di sua proprietà, che gestisce insieme al maestro. Salvatore Cannata, che ha sempre creduto in lui, è il fondatore della A.S.D. Pugilistica Cannata – Suprema Boxe, che opera a livello nazionale ormai da più di dieci anni nella preparazione dei pugili professionisti, dilettanti o semplici appassionati, legati dall’amore verso questo sport. Il primo insegnamento, che l’associazione trasferisce ai pugili, è la consapevolezza che ogni traguardo può essere raggiunto se si affronta con umiltà, spirito di sacrificio, coraggio e lealtà.

Le dichiarazioni del maestro Salvatore Cannata e del sindaco di Palermo

Euforico il maestro Salvatore Cannata, che, come riportato dal “Giornale di Sicilia”, ha dichiarato: “Sono felice per questo risultato, che premia i nostri sforzi. Benny ha fatto la gara che immaginavo e che avevamo studiato insieme. E’ stata una serata perfetta che ci rende orgogliosi del lungo lavoro fatto in questi anni”.
Anche il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, che ha assistito all’incontro, ha espresso, sempre dalle pagine del “Giornale di Sicilia”, il proprio compiacimento per l’impresa del pugile palermitano. Queste le sue parole: “E’ stato un onore poter ospitare per la prima volta un incontro di boxe per la conquista del titolo italiano. Questo è un motivo di orgoglio per la nostra città per rinsaldare il legame sport e attività sociali”.

  •   
  •  
  •  
  •