Asprilla sfrutta le sue doti: l’ex Parma lancia “Tino” una linea di preservativi

Pubblicato il autore: Simone Cerroni Segui

Asprilla 2

Era il lontano 2002 quando Gigi Buffon aveva anticipato e rese note, scherzando in un’intervista doppia con Dino Zoff a Le Iene, le doti di Faustino Asprilla: “Chi è il giocatore più ‘dotato’ che io abbia mai incontrato? Il mitico Asprilla: una cosa così era bella da vedere”. Ebbene, a distanza di anni l’attaccante colombiano ex Parma sembra aver risentito quell’intervista e sfruttato le sua nomina per un business a fin di bene: una nuova marca di preservativi per aiutare la lotta contro l’Aids.

Da calciatore a imprenditore – La linea si chiamerà Tino, diminutivo del suo nome ed è già pronta per la vendita in Cina e Colombia. “E’ un progetto che nasce con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica all’uso dei profilattici che permettono di prevenire l’Aids e altre malattie sessualmente trasmissibili”, ha spiegato Asprilla al giornale online colombiano El Tiempo. Il progetto è stato possibile grazie ad una casa farmaceutica che ha finanziato l’idea. Poi continua: “Sono preservativi di tutte le misure, speriamo che alla gente piacciano e che li utilizzino. L’idea nasce per prevenire le gravidanze non pianificate tra gli adolescenti. Saranno normali, con diversi sapori. Io consiglio quello al gusto di guaiava, mi ricorda l’odore dell’albero che c’era vicino alla casa in cui sono cresciuto”.

  •   
  •  
  •  
  •