Hellas Verona-Lazio. Pioli: “Terzo posto? Restiamo con i piedi per terra, poi vedremo…”

Pubblicato il autore: Carmine Errico Segui

Hellas verona lazio conferenza stampa pioli, ultime notizie ss lazio

Vigilia di Verona-Lazio, il tecnico biancoceleste Stefano Pioli si è presentato in conferenza stampa alle ore 14.15 presso il centro sportivo di Formello, per presentare il match della nona giornata della Serie A Tim. Queste le sue parole in conferenza stampa, dopo quelle di stamattina rilasciate da Antonio Candreva che ha raccontato i suoi sogni e i suoi obiettivi da raccogliere con la maglia biancoceleste.

Inizia la conferenza stampa il responsabile della comunicazione Lazio, Stefano De Martino: “Mauri non potrà scendere in campo a causa della forte cura antibiotica a cui s è sottoesposto per la tonsillite. Siccome sono farmaci che rientrano nel ‘doping’, la Federazione italiana non ci ha dato l’ok per un suo impiego. Spero sia disponibile per lunedì. Non saranno convocati né Cana, né Konko che hanno problemi articolari alle ginocchia.

Pioli in conferenza stampa alla vigilia di Hellas Verona-Lazio 

L’imperativo, dopo la quarta vittoria di fila,  rimanere con i piedi per terra?
È proseguire con questa mentalità e questa concentrazione. Domani sera ci saranno tante difficoltà contro un avversario che vuole riscattare una brutta sconfitta. Serve umiltà e voglia di metter in campo le nostre qualità

Leggi anche:  Juve-Napoli recupero al 17 marzo alle 18.45: ufficialità nelle prossime ore

Mentalità sempre vincente, come si è visto nel cambio contro il Toro con Klose per Anderson, è questo il messaggio che vuole mandare ai suoi?
Cerco di migliorare la squadra in questa ottica, ma non conta il ruolo di chi entra ma la mentalità della squadra. Domenica abbiamo dimostrato grande mentalità, ma restiamo con i piedi per terra e continuiamo a dare tutto. Verona è un campo ostico ma ci siamo preparati bene, conosciamo le difficoltà della gara ma sappiamo come dover approcciare la gara e quali sono le nostra qualità

La forza della squadra è il gruppo?
La forza di questa squadra è il lavoro, tutti i giocatori si sono mostrati sempre disponibili e con lavoglia di lavorare. Vogliamo continuare a fare così

Lei è riuscito a riportare il pubblico allo stadio.  È un suo merito?
Fa piacere tutto questo ma è merito di tutto lo staff, della società e dei giocatori. Conosco come vanno le cose nel calcio, siamo stati bravi a non sbatterci nei risultati negativi ma non dobbiamo esaltarci nei momenti positivi: mai abbassare la guardia. L’ambiente positivo è merito dello spirito che mette in campo la squadra, noi saremo soddisfatti solo quando vedremo sempre più tifosi all’Olimpico

Leggi anche:  Le parole di Andrea Pirlo nella conferenza stampa pre Verona-Juventus

Una Lazio anche da terza posto. È un’insidia nuova con la quale convincere?
Dobbiamo essere equilibrati ma noi abbiamo in testa quello che vogliamo raggiungere. La differenza con gli avversari è un limite molto sottile, noi dobbiamo sempre provare a portare a casa il massimo da ogni gara

Contro il Toro ha messo Djordjevic e Klose assieme. È rimasto soddisfatto? Può ripetere questa scelta anche dal primo minuto?
Possono giocare assieme, Djordjevic ha l’arma della profondità mentre Klose è più bravo a giocare intorno e alle spalle di una prima punta. Sono compatibili ma serve solo avere e trovare equilibrio. Quello che fa la differenza è sempre e solo la ferocia agnostica, lo spirito di gruppo, l’atteggiamento di tutto la rosa. Giochiamo con una squadra molto offensiva, l’obiettivo è mantenere questo spirito ma mantenere gli equilibri

Leggi anche:  Dove vedere Hellas Verona-Juventus, streaming e diretta TV Serie A

Verona è una gara spartiacque per la Lazio e per il Verona. Chi ha più pressione?
L’approccio mentale fa la differenza, abbiamo rispetto dell’avversario ma dobbiamo essere consapevole dei nostri mezzi. Solo una sarà la partita spartiacque, quella che ci farà raggiungere l’obiettivo, le altre sono solo tappe di avvicinamento a quella partita

Anderson ha talento, ma cosa lei deve fare per farlo diventare decisivo e forte?
Io voglio migliorare tutti i giocatori che ho. Felipe ha fatto fatica, non è entrato in partita dal punto di vista tattico, è stato troppo basso contro il Torino. Ha tutta la mia stima e considerazione, insieme possiamo e dobbiamo migliorare

Come sta Lulic?
Si è allenato con la squadra, ha un piccolo problema al ginocchio ma credo che sarà disponibile per giocare

Quale cosa migliorare per prima?
Quando perdiamo le distanze rischiamo troppo e non deve succedere. Dobbiamo essere aggressivi ma dobbiamo subito leggere bene le situazioni avanti e dietro. Serve equilibrio e lucidità per crescere.

 

  •   
  •  
  •  
  •