Incidente auto per Keita: distrutta la Lamborghini

Pubblicato il autore: Simone Cerroni Segui

Keita incidente

Incidente auto per l’attaccante della Lazio Keita Balde Diao. Il 19enne spagnolo si è schiantato alle prime luci dell’alba contro il guard rail sul viadotto di Corso Francia (vicino Ponte Milvio) a Roma. Come riportato dalla polizia municipale Keita avrebbe perso il controllo della sua Lamborghini Gallardo alle 4.20 di notte, andando a sbattere contro le protezioni stradali a lato della carreggiata. A seguito dell’incidente il viadotto è stato chiuso al traffico fino alle 7.00 di questa mattina. Fortunatamente Keita non ha riportato alcuna contusione e danno fisico. Diversa la situazione dell’auto, quasi distrutta e quindi trasportata in un deposito giudiziario impossibilitata a riprendere la marcia. Il sindacato di polizia locale Sulpl, ha commentato la notizia sul proprio profilo facebook: “Due grandi municipi (gruppo XV Cassia e gruppo II Parioli, ndr) rimasti senza presidio in quante le pattuglie bloccate per ore ad effettuare i rilievi. Senza assunzioni Roma si ferma”. Questo il post del SULPL – “Verso le 4,20 un calciatore di una squadra di serie A della capitale (Keita), mentre percorreva il Viadotto di Corso Francia in direzione fuori Roma perdeva il controllo del veicolo, una Lamborghini Gallardo, e urtava contro le strutture di Ponte Flaminio, danneggiandolo. Il calciatore ne usciva illeso ma il veicolo è rimasto fortemente danneggiato e non marciante (praticamente distrutto), tanto che è stato convogliato al deposito. Il viadotto è chiuso, anche per permettere la pulizia della strada da parte dell’AMA, stante anche la presenza di parecchio olio sulla carreggiata. I rilievi sono stati effettuati dal 15 gruppo Cassia con il gruppo parioli in ausilio per le chiusure della strada. Due grandi municipi rimasti senza presidio in quante le pattuglie bloccate per ore ad effettuare i rilievi.
Senza assunzioni Roma si ferma. 

 

Leggi anche:  Le prime dichiarazioni su Instagram di Christian Eriksen

 

 

  •   
  •  
  •  
  •