I tifosi del Liverpool restituiscono la maglia di Balotelli

Pubblicato il autore: Simone Cerroni Segui

Balotelli maglia

Neanche due mesi in terra inglese  e Mario Balotelli è già su tutti i giornali sportivi (e non) un giorno si e l’altro pure, non di certo per le sue doti calcistiche mostrate a Liverpool. Fino a quando si tratta di prendere un cartellino giallo o rosso che sia o di farsi fotografare in serate goliardiche in discoteca può passare pure. Ma lo scambio di una maglietta alla fine del primo tempo di una partita di Champions League, il calcio inglese non può proprio storicamente perdonarlo, sopratutto quando si è sotto di tre gol. Lo scorso 22 ottobre nella partita tra Liverpool e Real Madrid, Balotelli ha la splendida idea di cambiarsi la maglia con Pepe durante il primo tempo davanti all’amarezza e rabbia dei tifosi ammutoliti all’Anfield. Un gesto imperdonabile e offensivo in Premier League. Fischi, urla e prima pagina di tutti i giornali il giorno a seguire per Mario. Si sa, la vendetta è un piatto che va servito freddo e così, a distanza di qualche giorno, prima della partita contro l’Hull City, i tifosi si sono vendicati ridando indietro la maglia di Balotelli. Tutto è nato da un’iniziativa dell’agenzia di scommesse irlandese Paddy Power che ha fatto da megafono alla moltitudine di voci e tweet dei tifosi dopo lo strafottente gesto. La procedura è stata molto semplice. Fuori dall’Anfield Road era appostato uno stand dalla Paddy Power che permetteva di ridare la maglia numero 45 e addirittura di ottenere in cambio la maglia di due leggendari bomber del Liverpool: Robbie Fowler e Ian Rush. Insomma, un gesto, una provocazione, o affronto. Chiamatelo come vi pare, ma è certo che vale più di mille parole e magliette. Balotelli, e Mancini forse più di tutti l’aveva capito, non si può coccolare e giustificare più di tanto. All’arroganza (quella di Balotelli) si può rispondere solo con arroganza, e questo i  tifosi del Liverpool l’hanno compreso molto bene.

  •   
  •  
  •  
  •