Balotelli in Nazionale: Antonio Conte dice sì

Pubblicato il autore: Marion Didier Segui

 

mario balotelli liverpool prandelli nazionale

L’Italia si prepara a sfidare la Croazia nel quarto match di qualificazione all’Europeo 2016. Una partita decisiva per la Nazionale azzurra che, dopo le prime due sfide con Olanda e Norvegia, ha mostrato segni di stanchezza contro l’Azerbaigian e Malta. La vittoria è arrivata in entrambi i casi e i nove punti in classifica hanno sollevato il morale della squadra di Antonio Conte, in testa al suo girone con tre vittorie su tre.    

La Croazia – l’altra capolista – sarà un’avversaria importante per capire lo stato di forma della squadra azzurra all’indomani di un Mondiale disastroso che ha colpito un po’ tutto il calcio italiano. Ma se da una parte il ct della Nazionale è convinto di aver fatto abbastanza per il tempo avuto a disposizione, dall’altra non accetta critiche troppo severe sulla performance dei suoi ragazzi nelle ultime due partite. A suo parere, il team azzurro è un bene di tutti e per questo va tutelato da polemiche che potrebbero compromettere il morale della squadra.

Serve tempo, ma la missione non è impossibile. L’Italia, lavorando sodo, può fare di più. Conte non ha mai nascosto di voler allenare la Nazionale ed è già concentrato sulla prossima sfida in programma allo Stadio Meazza di Milano. Tra i protagonisti più attesi della partita del 16 novembre, Giorgio Chiellini e Sebastian Giovinco (decisivi nella vittoria con l’Azerbaigian) oltre a Graziano Pellè, autore del gol che ha permesso all’Italia di vincere a Malta. Cesare Prandelli aveva ignorato il 29enne leccese in occasione dei Mondiali in Brasile (nonostante i gol messi a segno nel campionato olandese); Conte invece ha deciso di puntare su di lui e ora si aspetta che replichi il successo del suo debutto. Prima dell’appuntamento milanese, l’Italia sfiderà in amichevole l’Albania, in programma a Genova a metà novembre, dove ci saranno anche Mario Balottelli e Alessio Cerci in maglia azzurra. Un’occasione importante per l’attaccante del Liverpool e l’esterno dell’Atletico Madrid che insieme ad El Shaarawy potrebbero dare un pizzico di sale in più alla squadra di Antonio Conte.

Obiettivo del ct è chiaramente quello di trasferire in Nazionale lo schema che ha portato al successo la sua Juventus, anche se una buona tattica non è certo sufficiente. Bisogna partire dall’idea che sia necessario formare un gruppo solido di giocatori e la qualificazione dell’Under 21 all’Europeo di categoria del 2015, che permetterà la crescita di nuovi “talenti”, sembra dare una garanzia in più all’ex tecnico bianconero.

  •   
  •  
  •  
  •