Beckenbauer: “Nel 1966 ero già dell’Inter, poi tutto saltò”

Pubblicato il autore: Davide Grassi Segui

Franz beck

“Nel 1966 avevo firmato un precontratto con l’Inter. Poi, però, l’Italia chiuse le frontiere agli stranieri e non andai a Milano”. La rivelazione arriva da Franz Beckenbauer, detto Kaiser, considerato uno dei più grandi difensori della storia del calcio, vincitore di due Palloni d’oro.

In un’intervista rilasciata al settimanale tedesco Bild, il fuoriclasse tedesco ha raccontato: “Prima del Mondiale del 1966 firmai un contratto con l’Inter, avrei guadagnato l’incredibile cifra di 900mila marchi (circa 450.000 euro). In quel periodo, era possibile solo in Italia, che era il fulcro del calcio. L’Inter era al top con Giacinto Facchetti, Sandro Mazzola e un leggendario allenatore come Helenio Herrera. Il Bayern giocava nel piccolo stadio di Grünwalder Strasse, a Milano avevano l’enorme San Siro e quell’atmosfera mi affascinava. Volevo andare ad ogni costo”.

Lo stop arrivò dopo i Mondiali d’Inghilterra dai quali l’Italia venne estromessa dalla Corea del Nord, che portò alla chiusura delle frontiere con l’obiettivo di valorizzare i giocatori italiani.

“Ci fu lo stop all’ingaggio di calciatori stranieri, non fu possibile firmare il contratto e il preaccordo finì nella spazzatura – ha concluso Beckenbauer, che sembra venne contattato anche dal Milan: – Ma il blocco durò anni e non ho mai potuto giocare per un club italiano”. Rimpianti? “No, alla fine non mi dispiace. Sono soddisfatto della mia vita”. E visti i risultati raggiunti con il Bayern Monaco e la Nazionale tedesca c’è da credergli.

 

 

  •   
  •  
  •  
  •