Berisha: “Non mollo! Aspetto solo la prossima occasione. Marchetti via? Non so nulla, ma…”

Pubblicato il autore: Carmine Errico Segui

Intervita Berisha Lazio, ultime notizie ss lazio, Berisha serbia albania

Era praticamente diventato il portiere titolare della Lazio, ma Marchetti ancora una volta è ‘risorto’ e per lui è tornata la panchina. Etrit Berisha è tornato ad essere ‘solo’ un’alternativa di lusso, un estrem0 difensore che sarebbe titolare in quasi tutte le altre squadre italiane. La sua possibilità di riprendersi un posto tra i pali potrebbe esserci solo se ci sarà un’eventuale partenza di Marchetti. “Cosa ne penso delle voci che vogliono Marchetti in Cina (nel febbraio scorso si parlava dell’interesse del Guanghzou R&F e di un Guanghzou pronto a offrire 12 milioni, ndr)? Davvero? Non ho sentito nulla a riguardo” – sono alcune delle sue parole rilasciate al portare svenskafans.com. Allora meglio analizzare il momento della Lazio e gli obiettivi personali e di  squadra: “ho avuto sempre fiducia nei miei mezzi e quando Marchetti si è infortunato all’inizio della stagione ho avuto modo di giocare. Ma anche lo scorso anno ho disputato molte partite. Lazio? Siamo vivendo un ottimo momento ma io devo solo pensare a lavorare per dimostrare di meritarmi un’altra possibilità”. Possibilità che al momento pare davvero difficile anche perché la Lazio non disputa partite europee e, al momento, le sue uniche occasioni di tornare titolare saranno le gare di Coppa Italia. E le partite dell’Albania. E proprio su questo argomento spiega, in conclusione, cosa è accaduto durante Serbia-Albania: “Prima della fine del primo tempo, quando ha fatto la sua comparsa il drone con la bandiera della Grande Albania, la situazione era al limite, poi è diventata insostenibile. Quando i tifosi serbi hanno iniziato a darci la caccia potevamo solo metterci al riparo. Era impossibile riprendere a giocare. Ora dobbiamo solo sperare che in appello cambi la decisione dell’Uefa. Non credo che perderemo la partita a tavolino”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Serie A, classifica marcatori: le squadre in gol con più cannonieri diversi