Calcio, Xabi Alonso: “Vinco la Champions anche con il Bayern, emulero’ Seedorf”

Pubblicato il autore: Luigi Ronza Segui

xabi alonso

E’ stato per un momento a un passo dal vestire la maglia della Juventus, ha giocato con il Real Madrid e oggi calca i campi della Bundesliga, in Germania, nelle fila del Bayern Monaco di Pep Guardiola ma il suo cuore e’ rimasto a Liverpool. Stiamo parlando del centrocampista spagnolo Xabi Alonso che – ai microfoni del Daily Mail – si confida con un altro eroe dell’Anfield Road, Jamie Carragher.

CAMBIAMENTI VELOCI – Carragher non ha potuto non chiedere a Xabi Alonso della rapidita’ con cui lo spagnolo e’ approdato alla corte dell’ex allenatore blaugrana; sul punto il centrocampista ha risposto: “In effetti e’ accaduto tutto molto in fretta (…) A Madrid abbiamo conquistato la decima Champions ed e’ sembrato che di aver centrato tutti gli obiettivi. Si trattava di rimanere a quell punto di rimanere a Madrid o di provare qualcosa di nuovo. Conosco bene sia la Liga sia la Premier League, venire qui e’ stata una grande occasione (…) Avevo bisogno di un nuovo inizio (…) potro’ dire di aver giocato nella miglior squadra della Liga, nella miglior squadra della Premier e nella miglior squadra della Bundesliga”.

Leggi anche:  FC Schalke 04 - Bayern Monaco: 0 - 4, i bavaresi calano il poker e allungano in vetta

COME SEEDORF – Un paragone immediato e’ quello con l’ex centrocampista (ed ex tecnico) del Milan, Clarence Seedorf, capace di vincere il titolo continentale ovunque fosse andato a giocare: “Sarebbe un gran obiettivo. Non avrei mai immaginato di andarci cosi’ vicino. Penso che il Bayern abbia un collettivo capace di lottare su tutti i fronti. Certo e’ difficile affrontare i migliori club d’Europa come Juventus, Real Madrid, Barcellona, Chelsea e PSG”.

LA CRISI DEL CALCIO INGLESE – Carragher passa poi ad analizzare il momento delicato del calcio inglese, ricordando i tempi in cui il Manchester (e lo stesso Liverpool) lottavano ai massimi livelli in Europa. Sul posto Alonso ha le idee chiare:” E’ difficile spiegarlo, stando fuori. La “magia” che avevamo a Liverpool (che ha portato i Reds tra il 2005 e 2009 a ottimi piazzamenti in Champions oltre alla vittoria contro il Milan, ndr.) non era normale, era una eccezione alle regole. Prendiamo il Borussia. Non sta facendo bene in campionato, ma gioca molto bene a livello europeo. Anche noi abbiamo una grande squadra. Il campionato inglese e quello italiano non sono piu’ cosi’ competitivi. Ma torneranno a esserlo”

Leggi anche:  Conte nervoso, l'Inter deve ripartire

 

  •   
  •  
  •  
  •