Empoli Lazio. Pioli in conferenza stampa: “Abbiamo ampi margini di crescita. Juve e Roma più forti? Vedremo…”

Pubblicato il autore: Carmine Errico Segui

Empoli lazio Pioli in conferenza stampa

La più grande rivelazione di questa stagione è di certo la Lazio. Alla vigilia di Empoli lazio Pioli in conferenza stampa ha presentato il match che si disputerà domenica pomeriggio alle ore 15.00 in terra toscana. Il tecnico capitolino analizza proprio questo aspetto: “Se è un’insidia non essere più una sorpresa? Non credo, perché siamo i primi a pretendere tantissimo da noi stessi. Lavoriamo per prendere sempre il massimo del punteggio. Abbiamo raggiunto così una buona posizione in classifica. Come dicono anche i miei giocatori, se vogliamo mantenere questo posto dobbiamo affrontare sempre al meglio la prossima partita”.

Un’analisi su questa prima parte di stagione
La Lazio è la squadra che fa pi punti nel primo tempo? Le partite però durano 90 minuti, anzi 95. Possiamo ancora crescere, anche se dai dati che abbiamo dell’ultima partita abbiamo fatto un primo tempo incredibile sotto il punto di vista dell’intensità. Non si può mantenere questa intensità per tutta la partita, quando cala l’intensità fisica deve aumentare la concentrazione. Credo ci siano importanti margini di crescita, dal punto di vista individuale e collettivo. Abbiamo la possibilità di mantenere un atteggiamento mentale di stare nella partita con più concentrazione.

Sulla probabile formazione che schiererà contro l’Empoli
Marchetti non viene con noi a Empoli perché non è in grado di giocare. I primi giorni della settimana aveva la febbre, poi ieri la botta alla schiena rimediata lunedì gli ha creato altre difficoltà. Klose o Djordjevic? In questo momento ho la difficoltà di poter scegliere, ma preferisco questo tipo di problemi. Schiererò una formazione competitiva, ma avrò altrettanti giocatori importanti in panchina. 

Sulla gara contro l’Empoli
E’ una squadra propositiva, che gioca con intensità. Spesso riesce a sporcare la manovra avversaria, sono bravi sulle palle inattive. Ha giocatori molto rapidi, sanno della nostra voglia di fare la partita, lavoreranno sui nostri portatori di palla. Dobbiamo giocare la migliore partita possibile dal punto di vista tattico. A volte le classifiche non sono veritiere, la squadra di Sarri gioca un calcio propositivo, che ha fatto soffrire tutte, comprese la Roma e la Juventus. Siamo consapevoli dell’avversario di domani, ci siamo preparati per creargli difficoltà.

Sulla difesa un po’ balbettante e l’ottimo attacco
Quando inizi una stagione si creano degli obiettivi, ma nessuno ti può dare certezze. Significa che la squadra sta creando occasioni importanti, spesso abbiamo avuto il dominio della gara, ma siamo solo alla decima del campionato. Mi piacerebbe avere questi numeri alla fine della stagione, speriamo di raggiungere al più presto i migliori equilibri possibili. Sicuramente non dobbiamo e non possiamo permetterci dei cali di concentrazione. Purtroppo è una situazione che si è ripetuta troppo spesso. Dobbiamo considerare che ogni pallone può essere decisivo per la partita. Gonzalez è un giocatore importante, fa parte di un reparto affollato dal punto di vista numerico e della qualità. Ma gode della mia fiducia, ha già dimostrato di poter fare ottime cose. De Vrij? Ha grandissimi mezzi, è difficile cimentarsi subito con il campionato italiano. Qui ci vuole molta attenzione tattica, il suo è stato un inizio importante. E’ in crescita, è giovane anche se ha ottenuto già risultati importanti. Per lui sono importantissime le prestazioni individuali, quelle del reparto e di tutta la squadra

Sulle differenze con Roma e Juventus
E’ difficile dirlo, nelle prime dieci partite le avversarie che abbiamo affrontato non si sono dimostrate superiori alla Lazio. Quando affronteremo tutte, vedremo a che livello saremo arrivati

Su Lazio-Juventus
Dalla settimana prossima penseremo alla prossima partita. Non fa parte del mio modo di pensare, testa solo all’Empoli. Siamo a questo punto perché abbiamo preparato una gara alla volta, stiamo lavorando sodo, da veri professionisti.

 

 

  •   
  •  
  •  
  •