Inter, chi far giocare tra Icardi, Palacio e Osvaldo?

Pubblicato il autore: Giuseppe Buonadonna Segui

Il nuovo allenatore dell’Inter, Roberto Mancini, è arrivato in un momento non certo positivo per la squadra: la posizione di bassa classifica, le vittorie che stentano ad arrivare, gli infortuni dei giocatori migliori sono cose che il tecnico di Jesi dovrà affrontare in questa sua nuova avventura. Un altro degli emblemi che il Mancio dovrà risolvere sarà quello di dover scegliere due dei tre attaccanti a disposizione nella rosa neroazzurra; di certo non è un problema grave quanto quelli elencati in precedenza, ma è pur sempre un dubbio da dover sciogliere.
Partiamo da quello maggiormente favorito a vestire la maglia da titolare nell’attacco dell’Inter: Mauro Icardi. L’attaccante italo-argentino è il solito giocatore ideale per il 4-4-2, perché può giocare sia da sponda per gli inserimenti dei compagni sia come  punto di riferimento nell’area di rigore avversaria. Inoltre è anche il capocannoniere neroazzurro in questo inizio di stagione in quanto ha già segnato 11 reti (7 in campionato e 4 in Europa League), e la sua giovane età (21 anni) può essere un vantaggio per le scelte future di Mancini.
L’altro attaccante che ultimamente sta facendo coppia con Icardi in attacco è Rodrigo Palacio. Il trenza non è lo stesso giocatore dello scorso anno; lo dimostrano i numeri: infatti ancora deve segnare in questa stagione, e tenendo presente che l’anno scorso ha messo a segno ben  19 reti, i dati di questa annata possono spaventare i tifosi. Ma nonostante è ancora a secco, il numero 8 dell’Inter è l’unico attaccante a disposizione che ha nelle sue caratteristiche il dare una mano nel coprire nelle varie zone del campo, e questo può essere un’arma letale per ritagliarsi un ruolo importante negli 11 preferito dal coach dell’Inter.
L’ultimo attaccante, ma non di importanza, è Pablo Daniel Osvaldo, che sembrerebbe essere un pochino dietro Palacio nelle gerarchie di Mancini. Ma Osvaldo, è una validissima alternativa, basti pensare che già in questa stagione ha segnato 4 gol nonostante lo stop di un mese causa infortunio muscolare. E’ un attaccante fisico, tecnico e abile, capace anche di segnare gol memorabili come quello all’Atalanta nelle prime giornate di campionato.
Insomma, la scelta sembra essere molto difficile, e la prima decisione Mancini deve farla in fretta, in quanto una delle partite più importanti si sta avvicinando; infatti Domenica c’è già Milan-Inter.

Leggi anche:  Inter, il Barcellona offre 55 milioni per Lautaro più un giocatore
  •   
  •  
  •  
  •