Italia, De Rossi: “Conte è un tecnico che ho sempre stimato”

Pubblicato il autore: Danilo Montefiori Segui

daniele de rossi italia

Cento di queste partite. Tocca i 100 gettoni con la maglia dell’Italia Daniele De Rossi, ed è lui stesso a dichiararsi sorpreso del traguardo: “È incredibile, inimmaginabile all’inizio della mia carriera. E’ un traguardo che porterò sempre nel cuore. La finale di Berlino è stato il punto più alto della mia carriera, ora mi aspetto di vincere l’Europeo, il nostro allenatore pensa solo a questo”.

Immancabile un battuta sulla convocazione di Mario Balotelli. Convocazione su cui circolava la voce fosse stata preceduta da un consulto con i senatori dell’Italia: “È difficile da credere che Conte si faccia indirizzare da qualche calciatore per convocarlo, vive il suo lavoro in modo particolare, è esuberante ma buono. Ci sono delle regole da rispettare, un allenatore da seguire: sta a lui come comportarsi”.

Leggi anche:  Coppa Italia, probabili formazioni Inter-Milan: ecco le scelte di Conte e Pioli

Balotelli partirà comunque dalla panchina, vista la fiducia del ct Antonio Conte verso la coppia Zaza-Immobile. Problemi anche in difesa, dove sarà Darmian a fare terzo centrale. Infine, forfait anche di Pirlo, che verrà sostituito proprio da De Rossi in cabina di regia: “Non mi preoccupa che ci si aggrappi a me, sono pronto a fare vari ruoli con la massima disponibilità. Conte è un tecnico che ho sempre stimato, mi voleva alla Juve, ma la scelta di restare alla Roma non mi lascia rimpianti. Ci sentiamo al loro livello, contro la Juventus non meritavamo di perdere, mentre a Napoli abbiamo perso male. Il Bayern? Abbiamo giocato con un avversario più forte di noi”.

Il centrocampista della Roma ha quindi dedicato le 100 presenze ad un amico: “Lo dedico ad uno dei miei migliori amici, un amico speciale, Emanuele Mancini: abbiamo iniziato insieme 20 anni fa nel settore giovanile della Roma, è la persona migliore che ho incontrato nella mia vita ed è anche un calciatore bravo, ma molto sfortunato. Senza i tanti infortuni che ha avuto avrebbe potuto calcare grandi palcoscenici. Gioca nel mio stesso ruolo ma ha i piedi di Pirlo, sarebbe piaciuto a Modric. Gioca in Serie D, ma se non avesse avuto tutti questi infortuni, adesso potrebbe essere al mio posto”.

Leggi anche:  Coppa Italia, dove vedere Inter-Milan: streaming e diretta tv

Intanto ieri sera sono arrivati gli altri 18 convocati che il ct Conte ha chiamato per l’amichevole contro l’Albania in programma Genova il 18 novembre. Da notare come il regolamento FIFA vieti di utilizzare gli stessi calciatori dopo 48 ore, ecco il perchè del cambio drastico. Questo l’elenco dei convocati: Acerbi (Sassuolo), Bonucci (Juventus), Rossettini (Cagliari); Antonelli (Genoa), Aquilani (Fiorentina), Criscito (Zenit San Pietroburgo), De Silvestri (Sampdoria), Maggio (Napoli), Poli (Milan), Sturaro (Genoa); Destro (Roma), Gabbiadini (Sampdoria), Matri (Genoa), Okaka (Sampdoria).

  •   
  •  
  •  
  •