Juventus-Parma. Allegri: “Avanti con la difesa a quattro. Tridente? Possibile, ma domani è difficile…”

Pubblicato il autore: Carmine Errico Segui

Juventus-parma: Allegri in conferenza stampa

 

Classica giornata di vigilia di Campionato in casa bianconera con le parole di mister Allegri in conferenza stampa per presentare la sfida Juventus-Parma che si disputerà domenica pomeriggio alle ore 15.00 presso lo “Juventus Stadium” di Torino Il tecnico allontana la possibilità di vedere in campo già domani un tridente ‘pesante’ composto da Tevez-Llorente-Morata:Questa squadra può giocare con i tre davanti, dipende da quanto danno in fase di non possesso, ma ci vuole molto equilibrio. Sarà molto difficile domani, veniamo da una partita giocata con molta intensità, il Parma è una buona squadra, Cassano è il giocatore che può far fare il salto di qualità durante la partita, bisognerà avere equilibrio sapendo che veniamo dalla vittoria di martedì”. Conferma invece la possibilità di insistere sulla difesa a quattro: “Valuterò dopo l’allenamento di oggi, continueremo il discorso iniziato quest’estate e con la partita di martedì. Può giocare Padoin, Ogbonna o Chiellini terzino sinistro con Ogbonna in mezzo”. L’allenatore livornese analizza la qualità di questa Serie A: “Le qualità di Roma, Napoli e le altre squadre che sono un po’ attardate sono importanti, puoi sbagliare una o due partite ma alla fine quelle più forti arrivano davanti, così come l’Inter, la Fiorentina, la Lazio, la Sampdoria, è un campionato molto più equilibrato. Anche la Roma, nonostante abbia passato un momento difficile è solo a tre punti da noi, sta facendo bene in campionato, sarà la principale antagonista e fino alla fine ce la troveremo lì attaccata”.  Poi un rapido focus dell’ultima partita disputata e di quella che affronterà domani: Olympiacos? Il rigore era molto importante, ma si possono sbagliare e Vidal purtroppo è stato sfortunato. Dopo la partita c’era l’amarezza del rigore ma l’entusiasmo e la positività di aver fatto una bella partita, questo non vuol dire che abbiamo risolto tutti i problemi o siamo diventati una squadra che non deve migliorare, credo che la squadra ha interpretato la partita nel migliore dei modi, bisogna migliorare molto la fase realizzativa e avere più cattiveria davanti. Il Parma viene a Torino con la consapevolezza di aver battuto l’Inter, di essere in un buon momento, di aver ripreso fiducia e entusiasmo. Domani dobbiamo prendere i tre punti, abbiamo 95 minuti di tempo e bisogna farlo con equilibrio, domani sarà molto più difficile di martedì perché hanno avuto una settimana per preparare la partita e a livello mentale sono diversi da quelli di 10 giorni fa”. Infine applaude Tevez, Llorente e Morata, ma aggiunge: “Ho cinque attaccanti, Coman è quello più sacrificato ma avrà grande avvenire, ha grande velocità e tecnica, in certi momenti delle partita può mettere difficoltà agli avversari e portare vantaggi, dipende dalle esigenze e dalla squadra che andiamo ad affrontare, sono giovani e non fanno molta fatica. Llorente è un giocatore che a livello aerobico è uno dei più forti che abbiamo in squadra. Turnover? Un po’ per scelta, un po’ per infortuni, hanno giocato quasi tutti e si sono fatti trovar pronti, abbiamo avuto fuori Barzagli, Pirlo, Vidal, Morata poi Caceres, questo è un pregio della squadra che è formata da un’ottima rosa che mi permette di non abbassare il livello tecnico fornendo sempre ottime prestazioni e riuscendo a vincere”.

  •   
  •  
  •  
  •