La nuova Inter del vecchio Mancio

Pubblicato il autore: Giuseppe Buonadonna Segui

Ormai ne parlano tutti, è la notizia del giorno che fa felice quasi il 100% degli interisti. Walter Mazzarri è stato esonerato, ed al suo posto sta per firmare l’ex Roberto Mancini. La domanda che ormai ci poniamo tutti è come giocherà ora la nuova Inter: se continuerà a giocare con lo stesso modulo dell’ex tecnico, oppure ci sarà una rivoluzione tattica.
Mancini ci ha abituato a cambiare spesso le squadre, quindi è probabile a un ritorno con il 4-4-2 e il centrocampo a rombo. Si ricomincia con la difesa a 4: i due terzini più papabili per il posto da titolare sembrano essere Dodò e Jonathan, ma insieme sono quasi incompatibili, quindi possono crescere le quotazioni di Nagatomo e D’Ambrosio; non è da escludere la probabilità di far giocare Juan Jesus terzino sinistro, in quanto al centro potranno giocare Ranocchia e Vidic che con la difesa a 4 miglioreranno sicuramente le loro prestazioni.
La vera rivoluzione potrebbe essere a centrocampo. Si potrebbe giocare con il 4-2-3-1 con Medel e uno tra M’Vila e Kuzmanovic davanti la difesa e Guarin, Hernanes e Kovacic dietro la punta. Ma il modulo che predilige Mancini è il 4-4-2 con il centrocampo a rombo con Medel vertice basso, Hernanes dietro le punte e Kovacic e Guarin i filtri di centrocampo.
In attacco Mauro Icardi è l’unica certezza, nel caso invece l’Inter giocasse con due punti, il favorito rimarrebbe Palacio, ma non è da escludere il sorpasso di Osvaldo che ha giaà segnato più gol dell’argentino.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Euro2020, per ora comanda la Serie A: 19 gol su 55 arrivano da calciatori "italiani"
Tags: