La nuova Serie A di Tavecchio: rosa ridotta e vivaio

Pubblicato il autore: Matteo Testa Segui

Il presidente della FIGC, Carlo Tavecchio, presenterà oggi al Consiglio Federale la sua proposta di rinnovamento del calcio nostrano e della Serie A.

Come cambierà la Serie A

A partire dalla stagione 2016-17 le diverse squadre dovranno avere una rosa composta solo da 25 giocatori, di cui almeno 4 provenienti dal proprio vivaio o da quello di un’altro club italiano. Per quanto riguarda il tesseramento degli extracomunitari le opinioni sono invece discordanti. Alcuni ritengono che Tavecchio voglia allargare a tre i posti liberi all’anno utilizzabili mentre altri  prevedono che gli slot rimarranno due. Quello che è certo è che almeno uno di questi calciatori dovrà presentare un curriculum con un determinato numero di presenze in Nazionale come già richiesto in Premier League.

Al momento nessuna delle squadre di Serie A rispetterebbe i nuovi paramenti. Neanche Atalanta (28 giocatori in rosa, 7 dal vivaio, 12 cresciuti in Italia e 9 all’estero) e Udinese (32 giocatori in rosa, 2 dal vivaio, 7 cresciuti in Italia e 23 all’estero), che fanno della propria “cantera” uno dei loro fiori all’occhiello, rispetterebbero le nuove regole imposte da Tavecchio. La stessa cosa vale per le cosiddette grandi del nostro campionato: Milan (28 giocatori in rosa, 4 dal vivaio, 10 cresciuti in Italia e 14 all’estero) , Inter (28 giocatori in rosa, 8 dal vivaio, 3 cresciuti in Italia e 17 all’estero) Napoli (25 giocatori in rosa, 1 dal vivaio, 4 cresciuti in Italia e 20 all’estero), Roma (30 giocatori in rosa, 4 dal vivaio, 7 cresciuti in Italia e 19 all’estero) e Juventus (27 giocatori in rosa, 4 dal vivaio, 10 cresciuti in Italia e 13 all’estero).

(Photo Credits Spb24.it)

  •   
  •  
  •  
  •